La disperazione in fiamme

Di

Una persona si è data fuoco davanti a Palazzo federale.

Una torcia umana che per qualche interminabile istante ha scalfito il grigiore e l’ordine, la compostezza del cuore della politica svizzera. La tragedia si è consumata durante una manifestazione di protesta contro i centri destinati al rientro di richiedenti asilo che dopo mesi di incertezza si sono visti negare lo statuto di rifugiato, cancellando così quel briciolo di speranza che ancora nutrivano nei confronti del futuro.

Ad aver abbracciato la disperazione e la rabbia e ad aver dato loro fuoco è stato un richiedente respinto di nazionalità iraniana che vive proprio in uno di questi centri nel Canton Berna.

A causa delle ustioni l’uomo è stato trasportato d’urgenza in ospedale. Si salverà, ma la sua vita non sarà più quella di prima e a pensarci bene, forse, nemmeno la nostra.

Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!