La truffa di Norman Gobbi!

Di

Norman Gobbi deve essere impazzito, sentite un po’ cosa scrive in giro: “Hai problemi di finanziamento per avviare le tue attività? Hai dei piani (casa, proprietà, auto, ecc)? Hai bisogno di prestiti personali? Con un tasso di interesse del 3% all’anno per tutte le tue richieste. Ulteriori informazioni: credit.mutuel@aol.com

Questo il messaggio che alcuni ticinesi si sono visti recapitare via Messenger, tramite Facebook, dal ministro delle Istituzioni nonché presidente del governo.

Certo che di primo acchito ti arrabbi. ma Santa Maria del Bambin Gesù, non guadagna abbastanza Gobbi? Deve star lì a tampinare poveri cittadini per offrire loro dei prestiti?

Ma stavolta il povero Norman non c’entra. Anche se viene spesso criticato dal nostro portale per le sue politiche, Gobbi è innocente. Qualcuno ha fatto un errore grossolano, appropriandosi del suo profilo. Una pratica ricorrente tra i truffatori online, con numerosi di questi profili falsi che chiedono l’amicizia cercando di sembrare plausibili e che sono cloni di profili reali. Lo scopo? Di primo acchito intrufolarsi nella nostra cerchia per poi offrire del piccolo credito. Ma è una truffa.

Lo scopo dei truffatori, che incautamente hanno usato la foto e le generalità del capo del Governo ticinese è di recuperare le vostre credenziali di accesso imitando le e-mail della vostra banca o di altre organizzazioni (come in questo caso Credit Mutuel, grosso gruppo finanziario francese), oppure utilizzando il telefono (detto vishing, la fusione di voice e phishing) o gli SMS (detto SMShing). Poi vi reindirizzano su un sito-truffa, imitando l’aspetto del sito legittimo, per accedere ai vostri conti e fregarvi allegramente i soldi.

Dunque quando vi arrivano richieste del genere, soprattutto da Norman Gobbi, ignoratele e toglietegli l’amicizia, garantiamo che non si offende.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!