Non vogliamo tutti questi turisti!

Di

Insomma, non siamo mai contenti. Vogliamo il turismo, e poi quando arriva ci lamentiamo. Eppure c’è un ragionamento che fila, e che fa capire quanto il turismo di massa sul nostro territorio non sia una soluzione plausibile e lungo termine.

La prima avvisaglia ce l’avevano data le “Maldive di milano”. Un video su Youtube dove quattro ragazzotti meneghini avevano decantato (con grande sapienza iconografica, ammettiamolo) le acque verdi e cristalline della Verzasca. Il video aveva totalizzato la follia di 3 milioni di visualizzazioni su Facebook e 350’000 su Youtube. (guarda qui sotto)

Apriti o cielo, migliaia di milanesi e varesini si erano gettati nella valle come barracuda sulla carcassa di un tonno. L’esasperazione dei residenti, per il traffico e i parcheggi selvaggi, era scaturita nell’immediato, malumori e la rabbia avevano fatto capolino, costringendo le autorità comunali a porre dei vincoli.

E sì che il turismo tanto decantato occupa a malapena il 10% del PIL ticinese, insomma, un ritorno finanziario non paragonabile a zone dove il turismo la fa da padrone. (leggi qui sotto)

Ora scopriamo, nel periodo post Covid, dove albergatori e affittuari si fregano le mani per il pienone, che un turismo di massa in Ticino rischia di distruggere il territorio. Un territorio delicato e spesso fatto di equilibri precari, soprattutto nelle zone alpine e di valle, dove un aumento anche solo di poche centinaia di automobilisti e turisti in più crea degrado e frustrazione.

È la Fondazione Svizzera per la Tutela del Paesaggio a gridare l’allarme, puntando il dito su un’industria del turismo miope e legata a vecchi paradigmi, dove il turista va attirato ad ogni costo per creare posti di lavoro e guadagni. Una politica miope che ha già creato devastazioni territoriali e paesaggistiche che poi spesso si ritorcono addosso a chi le ha promosse.

Basti vedere la cementificazione selvaggia di zone come il Locarnese (leggi qui sotto)

soprattutto in zona lago o in situazioni privilegiate collinari come il controverso progetto previsto sul monte Bré Sopra Locarno (leggi qui sotto)

Ma costruzioni a parte, sono le nostre valli, fragili gioielli da preservare, che rischiano maggiormente il turismo di massa, un turismo spesso maleducato e poco attento. Fanno eccezione alcune valli, come l’Onsernone, che negli anni hanno costruito un rapporto con turisti rispettosi, attenti alle realtà locali e desiderosi di pace e di quiete più che delle Maldive di fronte a casa. Leggiamo su Ticinonews una dichiarazione di Raimund Rodewald, direttore della Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio:

“(…)Molto spesso manca la consapevolezza di preservare il bello. Turismo consapevole significa autentica esperienza individuale e non turismo di massa. L’era dell’arrivo in vetta da tutte le parti con funivie ad alte prestazioni dovrebbe essere finita. Dovremmo invece conservare i nostri paesaggi in modo che suscitino la nostra curiosità. L’esperienza più intensa in un luogo sconosciuto parte con il semplice, libero escursionismo. Il turismo alpino è troppo orientato verso le infrastrutture”.– e ancora- “(…)Attraverso l’esperienza intensiva di paesaggi attraenti, quasi naturali o addirittura ricchi di edifici storici avviene qualcosa in noi esseri umani, anche nel sistema di valori. Grazie al coronavirus dovremmo imparare a valorizzare i paesaggi a portata di mano. Quando si sperimenta la qualità e ci si rende conto che è in pericolo si è portati a difenderla”.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!