Ritorno ai Sessanta

Di

“Il mondo”, “La bambola”, ” Io ho in  mente te”, “Fatti mandare dalla mamma a prendere il latte”, “Il ballo del mattone”, “Una carezza in un pugno”,  “Cuore matto”. Tutte canzoni degli anni Sessanta. Io non ero ancora nata o se lo ero i miei bisogni si limitavano al cibo e al sonno, più o meno come adesso. Non dovrebbero farmi nessun effetto, è un periodo che non ho vissuto, troppo piccola per farlo. Eppure queste canzoni hanno il potere di farmi fare un salto indietro di rivedermi lì seduta sulle scale di casa ad aspettare l’amore quello bello, a perdermi nei mio sogni, nei miei desideri, a disegnare una vita piena di fiori e cuori. Stamattina sono ritornata lì, in quell’istante, ed è stato bello:

 “A mezzanotte sai che io ti penserò

Ovunque tu sarai, sei mia

E stringerò il cuscino fra le braccia

Mentre cercherò il tuo viso

Che splendido nell’ombra apparirà…”

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!