Attenti a quei Gobbi

Di

Mi ribollono le busecche. È quest’espressione che più di tutte mi resterà impressa. In mente. La gemma preziosa che affiora dalle acque melmose dopo averle setacciate a dovere. Tra i “superpoteri” della televisione c’è quello di vomitar parole. Di dire tutto e il contrario di tutto. Di anestetizzare il sentire comune. Ma anche di mettere a nudo sentimenti, di farlo al limite della pornografia. È una Polaroid degli istinti e dei piaceri più inconfessabili. Certa pornografia è la raffigurazione esplicita di un desiderio intimo. Segreto. Quello di Norman Gobbi, dopo aver visto il “Falò” di cui tutti ancora parlano a distanza di settimane dalla messa in onda dell’inchiesta giornalistica, è che, al Norman, ribollono le busecche.  

Lo ha ripetuto almeno tre volte nel corso dell’intervista a commento di “La vita degli altri”, il servizio della RSI che lo ha visto ospite in studio insieme a Frau Birkenmeier, uniti nel difendere l’operato dell’Ufficio della migrazione e le pratiche adottate per decidere il rinnovo o meno di permessi concessi in Canton Ticino agli stranieri. Le decisioni negative dell’Ufficio della migrazione nel corso dell’era Gobbi, per sua stessa ammissione, per preciso intento politico a suo dire concordato con il resto del Consiglio di Stato, servivano ad arginare l’afflusso di mangiapane a tradimento. Di forestieri rubagalline. Di frontalieri. Di Taliani.

Con controlli da DDR, in alcuni casi nell’ordine delle centinaia, ci s’intrufolava nella vita degli altri, si è forse perfino abusato del proprio potere, si è ficcato il naso nei cassetti e nell’animo di persone potenzialmente brutte brutte. Ladri di lavoro, quando non ladri e basta, perché così c’era scritto sulla loro fedina penale. Ed è proprio sulla scorta di dubbi supportati da indizi, prove francamente discutibili e altre lettere scarlatte che sono poi fioccati i no. Tu no. Tu no. E tu neppure. Niente più permesso. Non c’è mica posto per tutti qui. Das Boot ist voll. La barca è piena. Prima i nostri. È finita la pacchia. Intanto, in Italia, quando un ministro degli interni di nome Salvini si è permesso di bloccare in mare per giorni e giorni una nave con a bordo dei “clandestini”, a stretto giro di posta lui si è visto recapitare dalla magistratura un avviso di garanzia. Lui.

Nella placida Svizzera del Sud il Gobbi invece può dormire sereno fra sette guanciali. Anzi, dopotutto, ci sarà perfino chi è convinto che il suo agire ci stia e ci abbia tutelato dall’invasione. Di sicuro c’è chi nei modi e nelle procedure adottate non ci vede nulla di male. In primis Lega e UDC. Voglio dire, padroni a casa nostra. O no? Dipende. Non quando a dirlo è Norman Gobbi a cui ribollono le busecche. Cioè uno che ha lo stomaco in subbuglio, gli intestini attorcigliati. Intorcinati. Norman Gobbi. Quel grass e quel magher. Lo Stanlio e Ollio della politica ticinese. Già candidato UDC al Consiglio federale. Eppure, qui non c’è proprio nulla di cui ridere visto che lui non è esattamente un comico. È più un politico il cui agire sembra pesantemente condizionato dalle proprie viscere, manco fosse in preda a un agire bulimico. Incapace di un freno. Affetto da una voracità patologica: quella delle teste di chi è indegno di un permesso. Immeritevole. Proprio come certa politica fatta con le busseche in mano. Dalle quali, lo sappiamo, non escono proprio margherite.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!