Contro la caccia, non contro i contadini

Di

Leggo sulla Regione di oggi, 21 settembre 2020, un intervento di Sem Genini, segretario agricolo cantonale che parte dai sondaggi relativi la votazione sulla Nuova legge sulla caccia per terminare con i finanziamenti alle varie associazioni ambientaliste che attaccherebbero “con una dura campagna l’Unione Svizzera dei Contadini”. Le associazioni citate sono, nell’ordine, WWF, Pro Natura, Greenpeace e Associazione Traffico e Ambiente. Il signor Genini dimentica Birdlife e Ficedula.
A questo punto sembrerebbe che il referendum contro la nuova legge sulla caccia stia diventando un referendum contro i contadini svizzeri fatto a suon di milioni dimenticando (in malafede, temo) il resto degli investimenti a favore della natura, della biodiversità e della mobilità lenta fatti dalle associazioni incriminate. Basterebbe partecipare alle assemblee di queste associazione per poter essere edotti sui resoconti finanziari. Ma non è questo il punto.
Il punto è che, mancando di altri argomenti, si vogliono far diventare una colpa i 680 000 sostenitori di queste associazioni e i 100 milioni di franchi annui che esse incasserebbero secondo i dati pubblicati dalla Neue Zürcher Zeitung, citata da Genini. Non ho né il tempo né la voglia di fare i conti in tasca ai sostenitori della famigerata nuova legge, ma mi sembra che il ragionamento del Segretario agricolo cantonale potrebbe acquistare un po’ di consistenza se la cifra fosse messa a confronto con quella di cui dispongono l’Unione democratica di centro e l’Unione svizzera dei contadini (e come Genini ha dimenticato Birdlife e Ficedula, anch’io voglio dimenticare la Lega dei ticinesi).
Il secondo punto, forse più importante, è che le Associazioni incriminate non lottano contro i contadini, lottano a favore dell’ambiente preoccupate, tra le altre cose, del fatto che Il 90% dei campi delle fattorie biologiche dell’Altipiano sono contaminati da pesticidi. Lo rende noto il domenicale svizzerotedesco NZZ am Sonntag che cita uno studio dell’Università di Neuchâtel.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!