Gobbi, rispetta lo stato di diritto

Di

A una serie di partiti e associazioni, la politica di Gobbi, marcatamente antistranieri non va giù, ecco perché hanno deciso, per protesta, di indire un presidio il 21 settembre

Le associazioni e i movimenti politici, Forum Alternativo, Giovani Verdi, GISO, Movimento per il Socialismo, Partito Comunista, Partito Socialista, Partito Operaio e Popolare, Syndicom, Unia, USS, Verdi e VPOD, chiedono il rispetto dello stato di diritto. Il modo di agire del ministro delle Istituzioni denunciato da Falò e che risulterebbe persecutorio nei confronti dei lavoratori stranieri, è già stato denunciato anni fa. Ecco il comunicato:

“Revoche illegali di permessi di lavoro e di residenza, diniego di diritto all’accesso alle assicurazioni sociali, decisioni maturate nel totale disprezzo della giurisprudenza. La discriminazione fatta regola, lo stato di diritto calpestato. Queste alcune delle denunce portate in piazza dalle centinaia di persone che manifestarono contro le politiche del Dipartimento delle Istituzioni nell’ottobre del 2017, rispondendo all’appello di un comitato unitario che raggruppava numerose associazioni, sindacati e partiti, tra cui quelle che oggi firmano questo nuovo appello. Perché nulla è cambiato, perché la situazione è al contrario ulteriormente peggiorata.

Come dimostrato anche dalla trasmissione Falò il 3 settembre scorso, le politiche del DI, sostenute dal Governo cantonale, hanno sistematizzato una prassi tipica di uno stato di polizia, in totale spregio delle leggi, della giurisprudenza consolidata e di tutte le altre garanzie che ogni stato di diritto deve assicurare a tutti e tutte contro ogni abuso di potere.

Le politiche del DI, attuate sulla base di una chiara scelta politica, hanno lo scopo di precarizzare sempre di più le lavoratrici e lavoratori, colpendo per primi gli stranieri, in modo da renderli più deboli e ricattabili. Un attacco ai diritti di tutte e tutti noi, perché attaccando una parte delle lavoratrici e dei lavoratori del cantone, si mettono in pericolo i diritti di tutte e tutti. Dividere la classe lavoratrice, alimentare una guerra tra poveri, per indebolire quell’unità necessaria alla difesa degli interessi collettivi: un disegno ben conosciuto e fin troppo chiaro, emerso in modo inconfutabile in tutta la sua squallida completezza nelle ultime settimane.

Per stessa ammissione del Consigliere di Stato Norman Gobbi infatti, l’applicazione del diritto è stato ed è ancora sottomesso a valutazione politica, a scelta di campo. Una vergognosa applicazione classista del diritto e un utilizzo sconsiderato e inaccettabile delle istituzioni, che devono essere sanzionati da chi queste istituzioni pretende rappresentare.

Per questo motivo le organizzazioni firmatarie di questo appello organizzeranno un picchetto antirazzista e per il ripristino della legalità in contemporanea alla riunione dell’ufficio Presidenziale del Gran Consiglio che deciderà dell’attivazione dell’alta sorveglianza sul consiglio di Stato.

Il picchetto si svolgerà:

 lunedì 21 settembre a partire dalle ore 12 davanti al palazzo dei Congressi di Lugano.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!