Gallera e Fontana, fermate quei due!

Di

Se a Berna qualcuno candidamente ammette che coi tamponi bisogna andarci piano perché potrebbero non essercene per tutti, dalla vicina Lombardia arrivano notizie ben più allarmanti. E protagonisti della penuria di dosi di vaccino antinfluenzale sono ancora loro, il duo comico Cip&Ciop. Al secolo Attilio Fontana e Giulio Gallera, nelle vesti di governatore e assessore al Welfare della Regione a noi vicina. Cip&Ciop tanto per non rischiare di finire nel dimenticatoio ne hanno combinata un’altra.

Quale? Prima gli aspetti quantitativi, cioè i numeri, che forse a prima vista non vi diranno granché: 26, 400’000, 10’400’000 e 1/5 (leggasi un quinto). Ci sono poi quelli qualitativi, ovvero la necessità di vaccinare contro l’influenza i cittadini della Lombardia definiti a rischio. Ebbene, 26 sono gli euro pagati per ogni dose di vaccino, 400.000 le dosi acquistate pochi giorni fa dall’azienda Falken Swiss da parte della Regione e quindi i quasi 10 milioni e mezzo di euro non sono altro che la cifra spesa per accaparrarselo.

E l’un quinto direte voi, cos’è? È presto detto. I 400’000 vaccini sono stati acquistati ad un costo pari al quintuplo ovvero “un prezzo 5 volte più alto di quanto pagato lo scorso anno, che erano già stati acquistati a un prezzo elevato”, denuncia Samuele Astuti del Partito Democratico. “I vaccini necessari – continua Astuti – per le fasce a rischio (anziani, bambini, operatori sanitari e della scuola) sono pari a 5’000’000 (cinque milioni), una cifra di gran lunga superiore a quelli acquistati”.

Se poi ci aggiungiamo anche che i medici di base, le farmacie, gli ambulatori, ecc. non sanno ancora quando arriveranno questi vaccini comprati a peso d’oro e quando sarà possibile avviare la campagna vaccinale forse anche a voi sarà finalmente chiaro il capolavoro del duo Fontana Gallera. Del resto, pensando alla gestione della prima fase della pandemia, Cip&Ciop non aveva certo brillato per scelte e iniziativa.

Ciliegina sulla torta, un ultimo numero da giocarsi sempre sulla ruota di Milano è il 50, che sono sempre euro, quelli delle strutture sanitarie private che pare stiano cominciando a chiedere ai cittadini per effettuare la vaccinazione. Quindi, beh, che dire? Incapacità di intendere e di volere? Connivenza? O cos’altro ancora? Non so. Vedete voi. L’importante ora per molti Lombardi ormai esasperati è togliere di mezzo questi due cialtroni. Intanto su tutta questa faccenda dei vaccini antinfluenzali, c’è l’immancabile inchiesta della Procura di Milano aperta su acquisti, prezzi e i numeri di cui sopra.

Certo, non si voterà a breve e sulla memoria della gente non è detto che si possa fare sempre affidamento, ma la possibilità di sottoporre al più presto Cip&Ciop al verdetto di un voto popolare sarebbe cosa buona e giusta. Del resto i risultati delle elezioni amministrative delle settimane scorse hanno disatteso profondamente le previsioni di Salvini e banda, aprendo qualche spiraglio al cambiamento. Nell’attesa che si faccia primavera, coltiviamo il futuro e speriamo che un po’ ovunque ci si renda conto di come la politica non sia un gioco per dilettanti con stipendi da professionisti.

Commissariate La Lombardia... - Pagina 2

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!