La triste fine di Jerry Boakye

Di

Jerry Boakye è morto.

Saldatore in un’officina di Castel Volturno, il ventinovenne originario del Ghana, due anni fa era stato vittima di una brutale aggressione razzista che lo aveva costretto a vivere su di una sedia a rotelle. Paralizzato a mani e gambe per via di un pugno sferratogli da uno sconosciuto mentre lui scendeva dall’autobus.

Jerry si era stancato di vivere, ultimamente rifiutava le terapie e il cibo.

È questo il triste epilogo di una storia che aveva commosso e fatto scorrere fiumi d’inchiostro. A dare l’annuncio della triste fine di Jerry è stato il suo avvocato, Hilarry Sedu: “Io lo vedevo, in questi ultimi giorni, che tu non sei fatto per la sedia. Che la tua anima si era ribellata ai soprusi in Africa, figuriamoci se adesso si sarebbe acquietata su di una sedia a rotelle. Purtroppo ho avuto ragione, ieri sei scappato via, ti sei ribellato a quel corpo inerme“.

Jerry è morto così. In silenzio. Senza neppure aver avuto giustizia. E poi c’è ancora chi ha il coraggio di affermare che il razzismo non esiste…

Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!