Sul Covid Salvini non ha più voce in capitolo

Di

Per Salvini non sono tempi facili: fra calo della Lega nei sondaggi, processi in corso e figuracce televisive ripetute, il leader leghista sembra aver perso decisamente il piglio da uomo forte. A confermarlo, il fallimentare tentativo di frenare, o quanto meno avere voce in capitolo, sul coprifuoco deciso dal governatore leghista Lombardo Fontana di comune accordo con i sindaci, anch’essi in gran parte del partito di Salvini. 

Questi i fatti: Fontana, sentiti i sindaci dei capoluoghi, a maggioranza, ripetiamolo, leghista chiede al Governo di Roma l’applicazione di misure ulteriormente restrittive sul territorio lombardo, il tanto paventato coprifuoco, con chiusura dei locali e divieto di spostamenti dalle 23 alle 5 a partire da ieri. Quando l’ordinanza sta per essere controfirmata dal ministro della Salute Speranza, ecco che Salvini esce dall’angolino buio in cui si è, di fatto, confinato da solo e cerca di fare la parte di quello che vuole contare ancora qualcosa: “Prima di applicare il coprifuoco, voglio capire”, commentava annunciando una riunione con Fontana e gli assessori leghisti. Tirata di orecchi a Fontana, sostenevano molti, “solo una richiesta di maggior coordinazione”, precisava Salvini, decisamente poco convincente, fatto sta che alla fine Fontana firma l’ordinanza, e da ieri in Lombardia è entrato in vigore il coprifuoco. Cosa ci fosse da capire, non è dato saperlo, e che Salvini abbia bisogno di “capire” è il chiaro segno del suo essere stato estromesso da ogni decisione in merito.

Il tentativo di Salvini di avere voce in capitolo, in sostanza, va incontro ad un misero fallimento: troppo forte il peso della crescita dei contagi, tale da far mettere da parte, per una volta, gli interessi di parte e le logiche di partito per giungere a decisioni probabilmente drastiche e impopolari, ma di fatto necessarie per impedire un ulteriore, catastrofico diffondersi del contagio. 

Il leader leghista appare sostanzialmente sempre più isolato, con Fratelli d’Italia a rosicchiargli punti su punti, un po’ come succede da noi fra Lega e UDC, incapace di essere decisivo nel dibattito politico e fondamentalmente, politicamente frustrato nel tentativo recente di fare della Lega un partito nazionale, con le ultime elezioni regionali a testimoniare una netta battuta d’arresto del progetto salviniano. La sensazione è che la retorica sovranista abbracciata da Salvini dimostri tutti i suoi limiti di scelta opportunistica, soprattutto di fronte ad un’emergenza come quella del Covid in cui più che mai si percepisce la necessità di sopire i contrasti fra le forze politiche in nome di una comune lotta contro la pandemia. Parlare di migranti e clandestini non paga più come un tempo, e le prese di posizione acriticamente “aperturiste” circa un eventuale lockdown raccolgono ormai pochi consensi di fronte al crescere esponenziale dei contagi: la base salviniana, in sostanza, sembra sempre più restringersi a quelle frange di popolazione più oltranziste, dai no vax, ai no mask fino ai cattolici reazionari. 

E le crepe si aprono ora anche all’interno della Lega stessa: lo “strappo” di Fontana e dei sindaci leghisti rispetto alla linea pro-aperture di Salvini è solo l’ultimo degli episodi di evidente malumore di un partito che l’ex ministro degli Interni ha snaturato dalla sua storica linea autonomista e nordista per collocarlo nell’orbita dei sovranisti e farne un partito nazionale, tentativo che le recenti elezioni regionali hanno ampiamente frustrato. Da una parte, il fedelissimo Giorgetti, decisamente stimato negli ambienti politici, viene dato come impegnato a tessere, in Europa, rapporti con il Ppe, in modo da tirar fuori la Lega dall’area dei sovranisti e imprimere una svolta moderata che renda il partito un alleato affidabile in una coalizione di centrodestra priva di elementi radicali; dall’altra, la posizione del leader è insidiata dal presidente veneto Luca Zaia, che continua a macinare consensi, forte di più del 70% dei voti alle recenti elezioni e si presenta sempre più come una possibile alternativa alla guida salviniana. 

Salvini, in sostanza, autoestromessosi dal governo, privato della piazza dal Covid e senza un’imminente campagna elettorale da condurre, sembra sempre più isolato, sempre meno influente e autorevole (se mai lo è stato), e decisamente insidiato all’interno dai suoi, e all’esterno nel ruolo di leader sovranista italiano da Giorgia Meloni, il cui piglio molto più istituzionale fa sempre più presa sull’elettorato di destra forse, diciamolo, stanco delle fanfaronate di Salvini e in cerca di una figura politicamente meno pittoresca e più concreta. E sullo sfondo, restano i processi per i casi Open Arms e Gregoretti, che in caso di condanna potrebbero definitivamente segnare l’uscita di Salvini dalla scena politica italiana.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!