Clamoroso! Savoia passa ai liberali?

Di

Il Ticino è pieno di portali e portalini, fra cui ci annoveriamo pure noi. È una vezzosa abitudine tutta ticinese, quella di commentare tutto e tutti, di spettegolare, di spiare dalle lamelle della tapparella il vicino di casa, che magari sta solo scavando il buco per piantare un melo ma noi ci vediamo al fossa per la moglie assassinata.

Perché il Ticino più che terra d’artisti è una terra di gossip e, se è vero che la carta stampata è in crisi, è anche vero che negli anni i portalini sono spuntati come amanite nel sottobosco.

Come è vero che, per fretta o mancanza di risorse, troppo spesso questi portali sono farciti di errori come bignè alla crema. Stavolta tocca a Ticino Today, che incorre in uno strafalcione epocale, un errore che avrà fatto saltare sulla sedia più di un cittadino.

E come al solito, l’errore più facile è quello più pacchiano, perché se si sta attenti alle virgole e alle maiuscole e si vaglia tutto un articolo è vero che tra i titoli, proprio perché sotto gli occhi di tutti e composti da poche parole, spesso si annida infido e insidioso l’errore epocale.

Ecco così, che la sezione liberale di SAVOSA, diventa la sezione liberale di SAVOIA. Comunque Savoia continua a lavorare in RSI e non ha, che ci risulti, nessuna intenzione di sposare la fede liberale.

Un altro strafalcione “politico” era avvenuto qualche anno fa, quando un articolista di Tio aveva ventilato il passaggio della municipale Cristina Zanini Barzaghi ai verdi. (leggi qui sotto)


In realtà è un caso di omonimia. Infatti, Cristina Zanini David, segretaria dei verdi è cugina di Cristina Zanini Barzaghi, ma non è municipale a Lugano. Qui, ha pesato più la scarsa conoscenza della storia politica del cantone che la poca accuratezza nel verificare il lessico.

Che siano cadute rovinose o inciampi temporanei, rimane una realtà che è figlia dell’online e della fretta di postare al più presto articoli che, troppo spesso, e capita a tutti onestamente, sono farciti di errori o inesattezze.

Ogni tanto ci si arrabbia, più spesso si ride, come questa volta.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!