L’essere negazionisita dipende anche dal cervello

Pubblicità

Di

“Credo che il negazionista sia quasi sempre in buona fede. Così come avviene in certe forme di demenza – afferma Gallavotti citando le teorie del neuroscienziato Miller – in cui i sensi comunicano al cervello informazioni false, analogamente con i negazionisti tutto parte dall’incapacità di distinguere tra informazioni fondate e infondate”. Con queste parole la biologa e divulgatrice scientifica, ospite a diMartedì, ha spiegato la psicologia dei negazionisti.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!