Storie d’amore tragiche

Di

Di Corrado Mordasini

Tutti sanno che di solito rifuggo i gossip. Ci entro dentro come in una pozza d’acqua fredda, ritroso e coi brividi, solo quando non riesco a farne a meno. Ma a volte il gossip chiama a gran voce, come il vagito di un bimbo disperato che agogna la mamma.

Mi sono soffermato su un titolo geniale. Che riguarda la rottura tra una certa Sara Croce (ci dicono una modellina che lavora con Bonolis nel programma “Avanti un altro” e “Ciao Darwin”) e il suo ex, ma molto ex compagno Hormoz Vasfi (guarda qui sotto).

Il milionario iraniano, avrebbe citato la bionda e curvilinea assistente di Bonolis per aver allacciato una relazione al solo fine di trarne un profitto economico per sé e per la sua famiglia, raggirando le buone intenzioni di un ricchissimo e noto uomo d’affari”.

Allora, delle due, o sei scemo o mangi sassi. Hai cinquantasei anni e per quanto fascino tu possa avere hanno molto più fascino i tuoi milioni. Vasfi infatti è un milionario, poi mica uno di quelli fessi, la bionda Croce (e delizia) mica è la prima, famosi sono i suoi flirt (tutti rigorosamente per amore) con Aida Yespica, Taylor Mega, Yvonne Sciò e Claudia Galanti. Tutte donne, e non ho paura di essere smentito, di un certo spessore.Insomma, il nostro billionaire non sta mica li a studiare sanscrito la sera su una poltroncina con un mozzicone di candela a fargli luce.

Che scopra ora, che ragazzotte poco più che ventenni e una spanna più alte di lui, con un carico di silicone simile a quella di un cargo della gomma in partenza da Port Kelang, se lo filino solo per i soldi. È una rivelazione che vale la folgorazione sulla via di Damasco di San Paolo…WAHM!! Un lampo e il buon Hormoz ha visto la luce: corbezzoli! Quella sciacquetta sta con me solo per i soldi!

Hormoz, col cuore spezzato, è coadiuvato da uno dei maggiori studi legali milanesi, che evidentemente hanno a cuore il cuore del milionario iraniano. 30 pagine di citazione, depositate al tribunale di Pavia dove ricostruisce la presunta truffa in cui al povero tapino sarebbero stati estorti regali tipo un gioiello di Bulgari da 50’000. Per non parlare dello shopping: 47 ‘000 euro spesi nelle boutiques di Dubai o 66’000 a Parigi. Insomma, una ragazza del popolo, di poche pretese, una giovane spartana che si accontenta di un pagliericcio e un tozzo di pane.

Il gentile Hormoz ha festeggiato i sei mesi di fidanzamento con la sua ormai ex compagna, con i frugali doni di un bracciale da 11’000 euro e una landrover da 46’000 euro.

Dev’essere proprio vero che i poveri ormai non esistono più, come asseriva l’illustre opinionista nostrana Camilla Neuroni. (leggi qui sotto)

Comunque Hormoz, che si è sentito preso per il sedere, ha deciso appunto di fare causa alla fedifraga. Il memoriale della difesa suona pressappoco così:

“Sara Croce ha recitato la parte della fidanzata innamorata”, ma “non ha mai nutrito un sentimento sincero” e per questo deve risarcire il “danno patrimoniale quantificato in 1.051.548,72 euro”.

Sono cose che amareggiano, davvero. Solo immaginare che la Croce, oggi messa in croce dagli avvocati, abbia giocato coi sentimenti del playboy iraniano lascia l’amaro in bocca. Lei ribatte che è uno stalker: 450 messaggi alla madre e allo zio.

Insomma, una di quelle storie che fanno riflettere, su amore, sentimenti e sulla sincerità delle persone. Una cosa che sarebbe potuta capitare a ognuno di noi.

Scusate, ora devo andare, mi tocca portare a spasso i pavoni nel mio parco privato di ventordicimila ettari mentre sorseggio sangue di panda.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!