Un sasso spaziale che ti cambia la vita

Pubblicità

Di

La fortuna non piove dal cielo? Dipende. Nel caso di Joshua Hutagalung è davvero andata così. La sua fortuna è stata quella di vedersi il tetto di casa in lamiera sfondato da un meteorite. Quando è accaduto Joshua, un artigiano che vive in Indonesia nei paraggi della città di Kolang, non lontano da Sumatra, stava costruendo una bara davanti alla sua abitazione. Al momento dell’impatto, prima di capire davvero cos’era realmente accaduto, il ragazzo trentatreenne ha udito un forte boato, dopodiché ha scoperto che all’origine del suo grande spavento c’era un sasso ancora fumante appena piovuto dallo spazio. 

Un meteorite tra i più preziosi che potessero mai cadere sulla Terra. Questa roccia extraterrestre risale infatti a 5 miliardi di anni fa, rivelandosi fin da subito come uno dei più importanti ritrovamenti di questo genere mai avvenuti prima. L’ oggetto celeste, una roccia di 2,1 chili, è classificato come condrite carboniosa CM1/2, una varietà di roccia estremamente rara che, secondo gli esperti, conterrebbe amminoacidi unici e altri elementi essenziali necessari per far scoccare la scintilla della vita stessa. Del resto che la vita sulla Terra possa essersi generata grazie a un meteorite è una fra le tante teorie che ne spiegherebbero l’origine.

Un sasso che potrebbe contenere elementi preziosi a capire come sia nata la vita sul nostro pianeta. Il sogno di molti scienziati e astrobiologi, ma anche il biglietto vincente delle lotteria per Joshua Hutagalung che rivendendolo si è improvvisamente ritrovato milionario. Del resto, appena due giorni dopo la sua scoperta, già un residente della zona gli aveva offerto una cifra esorbitante per quel meteorite, ma Josua convinto si trattasse di uno scherzo aveva rifiutato: “Ha fatto la sua offerta con troppa leggerezza, quindi mi sono rifiutato di venderglielo”.

Qualche settimana dopo è stato poi l’esperto statunitense di meteoriti Jared Collins che è andato a sincerarsi di persona della natura di quell’oggetto. “Ho preso tutti i soldi che potevo raccogliere e sono andato da Joshua, che si è rivelato un saggio negoziatore. Il mio telefono ha squillato di continuo ricevendo offerte folli per acquistare quel meteorite”, ha confessato Collins. Ed è a quel punto che Joshua ha finalmente capito che vendere quel suo tesoro allo scienziato gli avrebbe, di fatto, cambiato la vita. Valore di quel sasso? Due milioni di franchi. “Ho speso tutti i 200 milioni di rupie che ho ottenuto dalla vendita del meteorite a Collins per aiutare la mia famiglia e gli orfani, costruire una chiesa e riparare le tombe dei miei genitori”, ha dichiarato Joshua Hutagalung al Jakarta Post. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!