Ha messo a morte una donna

Pubblicità

Di

Lui, il presidente degli Stati Uniti accusato di molestie sessuali da 26 donne. È riuscito a mettere a morte Lisa Montgomery, 52 anni. 

Aveva gravi problemi psichici, era cresciuta tra abusi e torture e aveva poi perpetrato un crimine orrendo (strappò il feto dal ventre di un’altra donna dopo averla uccisa).

“Nelle mani di Trump, muore. Nelle mani di Biden, vive” mi aveva detto alcuni giorni fa Sister Helen Prejean, la suora impegnata da decenni contro la pena di morte in America.

Lisa è rimasta nelle mani sbagliate. È stata giustiziata. Tre tribunali avevano cercato nelle ultime ore di sospendere l’esecuzione. Il dipartimento della giustizia si è immediatamente opposto.

Alla fine 6 giudici conservatori della Corte Suprema – di cui 3 nominati da questo presidente, compresa una donna – hanno autorizzato la sua morte. Tre giudici di nomina democratica (di cui due donne) hanno dissentito.

Mancavano 8 giorni. Lisa non ha fatto in tempo.

Emiliano Bos

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!