USA: democrazia anno zero

Pubblicità

Di

America, 2021. Che prima o poi sarebbe successo, era solo questione di tempo. Trump lo chiedeva da molto. “C’hanno fregato le elezioni, state pronti, ve lo dico io quando” . E alla fine eccolo arrivare, come una lettera alla posta, il tentato golpe. Pronti a tutto. Con in bocca parole come “civil war”. Guerra civile. Perché convinti di agire per una giusta causa, da patrioti che hanno deciso di farla pagare a chi ha scippato loro il vero vincitore delle ultime elezioni presidenziali. Ne è convinto il 39 percento degli americani.

Ma immaginando di poter viaggiare nel tempo, magari nel futuro, e pensando alla Storia talvolta anche gloriosa degli Stati Uniti, cosa ricorderemo dello scorso 6 gennaio 2021? Di sicuro non dimenticheremo le facce di quei bifolchi, delle centinaia di persone appartenenti all’estrema destra che hanno avuto l’ardire di calpestare la democrazia americana. Non potremo non pensare a quest’ultimo, e per certi versi magistrale, colpo di coda messo a segno dal presidente più simile a un dittatore che l’America abbia mai avuto, finora. 

Non potremo non pensare alle parole incendiarie di Donald Trump, all’origine dell’attacco violento messo a segno invadendo e occupando il Congresso degli Stati Uniti. Un grave gravissimo gesto, istigato e sostenuto in modo esplicito dallo stesso Trump. Voluto dallo stesso Trump. Che ha fatto del bullismo e della menzogna la sua cifra politica. Questo del resto succede se, con la silenziosa complicità del partito repubblicano, si permette a uno come lui di fare e disfare ogni cosa. Ma ora il giocattolo si è rotto. 

Donald Trump che, in soli quattro anni, ha ridotto ai minimi termini quella stessa democrazia di cui gli Stati Uniti fino ieri si vantavano di essere i paladini. Pronti a esportarla in ogni dove. Senza però accorgersi del fatto che intanto la stavano sottoponendo a una delle prove più umilianti proprio a casa loro. Del resto, l’ultima volta che qualcuno aveva fatto irruzione nelle sale del Congresso degli Stati Uniti, era nell’agosto del 1814, quando venne preso dalle truppe britanniche perché in guerra con quella loro ex colonia ribelle. 

Oltre al Campidoglio, all’epoca i soldati di sua Maestà appiccarono le fiamme anche alla Casa Bianca. Certo. Qualcuno potrà obbiettare che qualche giorno fa non si è arrivati a tanto. Eppure, a essere devastanti tanto quanto le fiamme, sono i filmati, le immagini e le centinaia di fotografie, di selfie di coloro che hanno vandalizzato gli uffici e le sale del parlamento e che in pochi attimi hanno fatto il giro del mondo. Mettendo alla berlina la più grande democrazia del mondo. Così come nessuno esclude che possa accadere di nuovo.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!