Burqa sì o burqa no?

Pubblicità

Di

Mi viene addosso un caldo solo a guardarle. Sarà che la menopausa incombe e le vampate di caldo mi colgono in ogni momento in un continuo valzer di togli la maglia, rimetti la maglia. Sarà che l’arrivo della bella stagione in me suscita da sempre la voglia di libertà, di godere delle carezze calde del sole, ma mi sale la claustrofobia quando vedo donne intabarrate e coperte da capo a piedi. 

Vorrei poter dire loro, riscopritevi, mostrate al mondo voi stesse. D’altro canto credo sia giusto rispettare il loro credo, le loro convinzioni. Insomma, come donna sono molto combattuta. Se vuoi coprirti chi sono io per dirti il contrario? Sempre che sia tu a volerlo. Sono cosciente però che questa iniziativa, seppur mascherata da falso femminismo, è in realtà un modo di dirci: “Guarda i brutti musulmani che coprono le loro donne”, quando si parla di una quarantina di casi in Svizzera, e molte di loro sono svizzere convertitesi all’islam. 

Mi chiedo solo dov’erano tutti questi paladini della donna comparsi improvvisamente tra partiti di destra, forse prima erano nascosti, sotto il burqa dell’intolleranza.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!