L’esercito e le quote rosa

Pubblicità

Di

La ministra Viola Amherd vuole incentivare l’apporto femminile nell’esercito. Nel giorno della donna (la notizia è dell’altro ieri) scopriamo che un’istituzione che dovrebbe essere abolita anche per gli uomini, chiede sempre più l’apporto di donne.

È lascia anche un po’ l’amaro in bocca, scoprire che gli incentivi che la ministra Amherd vorrebbe metter in atto, sono quelli che da decenni vengono chiesti a gran voce per favorire l’ingresso di donne in politica o nell’industria privata (leggiamo da TIO): 

“…E al fine di migliore la conciliabilità tra il servizio militare e la formazione, il lavoro o la famiglia, il gruppo di lavoro suggerisce la creazione di asili nido o un sostegno finanziario per l’accudimento all’infanzia. Si parla anche di promuovere il part-time per le cariche professionali in seno all’esercito. I vertici vanno inoltre sensibilizzati su questioni quali la discriminazione, il sessismo, la violenza psicologica e fisica.”

Sarebbe bello se non fosse, come dicevamo, una serie di rivendicazioni che le donne fanno da molto tempo, per favorire l’accesso al lavoro e ai posti di responsabilità o per accedere alla politica di milizia, che troppo spesso cozza, come nel mondo del lavoro, con gli scarsi ausili a favore del mondo femminile o della famiglia.

Non è un appunto a una ministra, che in fondo porta al suo dipartimento una visione favorevole alle donne, ma una critica a un sistema che ha delle plateali aberrazioni al suo interno. Infatti non è logico che sia l’esercito, una struttura che di per se stessa è l’antitesi della vita e dello sviluppo armonioso di un paese, a farsi portavoce di istanze che le donne rivendicano da anni quando non da decenni. 

Il punto è quanto abbia ancora senso finanziare un esercito svizzero, non tanto quanto sia il caso di incentivare un maggior apporto femminile a una struttura che oggi conta solo lo 0,9% di presenza femminile al suo interno (leggi qui sotto).


Le critiche sull’esercito e sui suoi costi si ripropongono regolarmente e non solo in seguito alle spese miliardarie per l’acquisto di aerei a reazione che non sono nemmeno in grado di garantire una copertura totale dello spazio elvetico (leggi qui sotto).


È palese che la crisi che colpisce le scuole reclute maschili, che hanno visto negli ultimi anni sempre più potenziali militi optare per il servizio civile e i criteri di arruolamento sempre più severi per evitare problemi assicurativi in seguito a incidenti, chiama a gran voce le donne a tappare le falle. Un sistema di milizia, che richiede un certo numero di reclute e che i “maschi” da soli ormai faticano a fornire. 

Un esercito obsoleto, con poche reali capacità di ingaggio, circondato dall’Unione Europea, non ha più motivo, e lo dico da anni, di esistere. Meglio sarebbe optare per una protezione civile performante e ben addestrata, questa sì con un massiccio apporto femminile, una struttura agile e ben strutturata, moderna, in grado di fornire aiuto all’Europa in caso di catastrofi. 

Ostinarsi a mantenere un esercito e oltretutto chiamare ora le donne a ricoprire ruoli di guerra, non è la soluzione. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!