Tuto Rossi: ‘Ci tenete ai vostri soldi?’

Pubblicità

Di

“Se ci tenete ai vostri soldi cambiate squadra in Municipio, è nel vostro interesse”. Con questa frase da imbonitore da fiera o da assicuratore in cerca di clienti, Tuto Rossi, cerca di deviare una copiosa messe di voti in direzione della sua lista.

Da buon piazzista, Rossi svia l’attenzione, assicura che ormai è vecchiarello e che potrebbe anche abbandonare la politica (cosa che farebbe tirare un sospiro di sollievo a numerosi bellinzonesi), ciliegina sulla torta, la frase topica “Se mi candido non è per me”.


Ma veniamo al dunque: “Se ci tenete ai vostri soldi cambiate squadra in Municipio è nel vostro interesse”. detto da Tuto Rossi, farebbe sbellicare dalle risate una mummia inca di 5000 anni.

Facci capire Tuto, i bellinzonesi dovrebbero dare in mano a te i loro soldi?

Ricordiamo per la ventordicimillesima volta i trascorsi di Tuto Rossi, che vorremmo davvero lasciar cadere nell’oblio ma che lui ci costringe, visto l’interesse pubblico della questione, a rivangare e rimestare come un minestrone ticinese.

Era il 2001 quando Tuto Rossi, allora vice presidente di Banca Stato, la banca di ticinesi, dava origine a operazioni finanziarie speculative coi derivati. A quel tempo, di soldi dei ticinesi ne aveva per le mani delle belle paccate di milioni. I derivati sono strumenti finanziari. Funzionano come un contratto tra due parti che stabilisce che un determinato sottostante (ovvero un indicatore di valore), in un momento specifico, può o deve essere comprato a un prezzo precedentemente concordato. Con un derivato si acquisisce quindi l’opzione di scommettere sul rialzo o sul ribasso del prezzo del sottostante.

Avete capito? Spero di si. Comunque Rossi si perde nel mondo dei derivati e gioca di qua, gioca di là, perde 21 milioni e mezzo di franchi. Appunto, “…se ci tenete ai vostri soldi…”, con lui sono in buone mani di certo. Rossi viene condannato dalla Corte delle Assise Criminali di Lugano nel 2006, riconosciuto colpevole di amministrazione infedele qualificata.

Rossi, che è uno che sa perdere e nuota nel fairplay come un temolo al Ritom fa ricorso, che viene respinto dal Tribunale Federale nel 2010.

Alla fine, Tuto Rossi risarcirà la banca con circa un milione di franchi (in immobili).

Ecco, dopo questo bel tuffo nel passato del nostro candidato UDC, ci domandiamo quale gag comica avesse in mente Rossi quando esortava ignari e ingenui cittadini, a mettere nelle mani sue a della sua compagine i soldi del Comune. Compagine che peraltro sembra allo sbando da tempo e incapace di gestire anche se stessa (leggi qui sotto).


Va bene che il municipale liberale Christian Paglia, ora sospeso, ha gestito malamente alcuni progetti, causando un aumento dei costi di 5 milioni di franchi alla capitale, restano comunque 16 milioni e mezzo in meno di quelli che si è bruciato Tuto Rossi in Banca Stato.

Per cui, prima di dare i vostri soldi in mano a Tuto e compagnia, ci penserei bene.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!