L’appello definitivo per cambiare

Pubblicità

Di

Il mondo può cambiare, il green deal deve arrivare. Sono sindacati, partiti, associazioni di categoria, amministratori delegati di aziende, a scrivere un accorato appello che sa di manifesto. 

Non storciamo il naso, certo, c’è anche l’industria privata qui, quella che fa i soldi, quella con cui sinstra e sindacati spesso lottano per far valere i diritti dei cittadini e dei lavoratori.

Eppure questo appello sa di voglia di fare e di speranza, con l’idea che soli non andiamo da nessuna parte. La sfida ambientale è onerosa e fa tramare le vene dei polsi, Ma un cambiamento è possibile. 

Lo è se coinvolge almeno Europa e Stati uniti, insieme i produttori di un quarto delle emissioni di anidride carbonica nel mondo. Lo è se gli USA investiranno in proporzione quello che l’Europa, in uno sforzo titanico (250 miliardi di euro), vuole spendere nei prossimi due anni. Come scritto nella lettera, questo decennio sarà fondamentale per il cambiamento. 

Un cambiamento epocale che ci coinvolge tutti.

Ecco qui di seguito l’appello, la lettera che si rivolge soprattutto alla politica, perché agisca celermente e con l’entusiasmo di un cambiamento che può, effettivamente, migliorare la vita di tutti noi e salvarci (forse) dal baratro: 

Accogliamo con piacere l’impegno dell’amministrazione Biden-Harris per rilanciare la lotta contro i cambiamenti climatici e il ritorno degli Stati Uniti nell’accordo sul clima di Parigi. Da entrambi i lati dell’Atlantico ora abbiamo lo stesso obbiettivo: arrivare a zero emissioni entro il 2050.

Un’alleanza tra gli Stati Uniti e l’Europa è fondamentale per affrontare il problema dei cambiamenti climatici e rendere possibile una transizione equa e sostenibile. Insieme, rappresentiamo il 25 per cento delle emissioni globali di anidride carbonica e il 40 per cento del Pil mondiale. Rappresentiamo un mercato di 800 milioni di persone. Gli Stati Uniti sono uno dei maggiori partner commerciali dell’Europa. Agendo insieme, possiamo fare la differenza. La transizione globale di cui abbiamo bisogno non avverrà mai se non procederemo nel modo giusto.

Sei mesi dopo le elezioni europee del maggio 2019 l’Europa ha messo sul tavolo il più grande piano di transizione su scala continentale, il Green Deal europeo. Qualcuno pensava che la crisi del covid avrebbe modificato questa ambizione, e invece l’Unione Europea ha scelto di accelerare sulla via della transizione verde. Stiamo attuando un piano di ripresa che salverà e trasformerà al tempo stesso la nostra economia per allinearla alla traiettoria dell’accordo di Parigi, mobilitando 250 miliardi di euro per la lotta contro i cambiamenti climatici in appena tre anni. È la più grande terapia d’urto sotto forma di investimenti verdi mai decisa in Europa! Abbiamo concordato inoltre che nemmeno un euro dovrà essere investito in attività nocive per l’ambiente. Siamo orgogliosi di questo straordinario successo e ci aspettiamo che gli Stati Uniti seguano una strada analoga con il loro piano Build Back Better.

L’Unione Europea è all’avanguardia mondiale quanto ad ambizione climatica. Ci siamo già impegnati per un nuovo obbiettivo climatico per il 2030 e ci siamo accordati sullo sviluppo di una nuova tassonomia per gli investimenti verdi. Uno dei fiori all’occhiello di questa ambizione è la legge europea sul clima, che dà forza di legge ai nostri obbiettivi climatici. Con questo provvedimento, stiamo lavorando a un percorso chiaro per i prossimi decenni.

Nei prossimi 18 mesi, intraprenderemo una trasformazione sistemica che comincerà a modificare profondamente il modo in cui produciamo, consumiamo, ci spostiamo, mangiamo o anche semplicemente commerciamo con il resto del mondo. Lo scopo di questo cambiamento senza precedenti è fare in modo che tutte le nostre politiche lavorino nella direzione di un’azione climatica.

In questo viaggio, sarà necessario che le nostre industrie diventino più verdi e investano maggiormente in tecnologie a basse emissioni attraverso un prezzo delle emissioni più alto. Impegnandoci in queste riforme, dovremo garantire parità di condizioni con quei competitor che non si impegnano sul clima quanto noi. È questo il senso del meccanismo di adeguamento delle emissioni alle frontiere che metteremo sul piatto a giugno.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea affronteranno sfide differenti nella transizione verso l’obbiettivo della neutralità in termini di emissioni. Mentre l’Unione Europea deve importare energia per metà del suo fabbisogno, gli Stati Uniti hanno cominciato a esportare più energia di quanta ne importano. Al di là di queste differenze, abbiamo un programma comune e dobbiamo intraprendere riforme comuni. Condividiamo anche la stessa preoccupazione: la transizione dev’essere giusta ed equa per evitare di penalizzare i nostri cittadini, i nostri lavoratori e le nostre industrie. È per questo che dobbiamo rafforzare la cooperazione tra di noi e lavorare insieme per rendere più puliti i nostri sistemi energetici, prendere misure aggiuntive per rendere più ecologici i nostri sistemi finanziari, introdurre veicoli a zero emissioni e accelerare il rinnovamento degli edifici.

Questo decennio sarà cruciale per la lotta contro i cambiamenti climatici! La crisi climatica non ha colori politici, non ha confini, e nessun vaccino ci proteggerà dal suo impatto. Noi, politici, amministratori delegati, associazioni di categoria, sindacati e istituti di ricerca europei, esortiamo gli Stati Uniti a tradurre in realtà le loro ambizioni adottando l’obbiettivo di ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 50 per cento entro il 2030 (rispetto ai livelli del 2005).

Possiamo costruire partendo dalla nostra lunga storia comune e da questa nuova visione condivisa per creare un movimento globale e accompagnare la trasformazione delle nostre società verso un nuovo modello di prosperità. Con economie a zero emissioni e una biodiversità preservata, abbiamo le potenzialità di creare posti di lavoro e migliorare la qualità di vita dei nostri cittadini. Abbiamo l’opportunità di costruire una nuova cooperazione transatlantica con al centro l’obbiettivo di raggiungere la neutralità in termini di emissioni.

Ci appelliamo quindi agli Stati Uniti perché siano audaci e ambiziosi come siamo stati noi con il Green Deal europeo e ci impegneremo per cooperare meglio in modo da progredire lungo questa strada. È un’opportunità unica, non dobbiamo perderla!

(seguono centinaia di firme di associazioni, delegati di aziende, partiti e sindacati)

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!