Tf: i dottori non faranno più le “spie”

Pubblicità

Di

Accolto parzialmente dal Tribunale federale il ricorso di quattro medici ticinesi. Gli operatori sanitari non saranno più obbligati a informare le autorità nel caso in cui vengono a conoscenza dei reati computi o subiti dai propri pazienti. Ma questa decisone tutela davvero le parti oppure rischia di essere un’arma a doppio taglio?

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS
scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? Effettua l’accesso

Sei umano? *


Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!