C’è traffico su marte

Pubblicità

Di

C’è un maledettissimo traffico su Marte. Le missioni si incrociano a go go, una dopo l’altra con serrata frequenza e il Pianeta Rosso rischia di registrare il tutto esaurito.

 sonda su sonda, le liste degli arrivi segnalano con extraterrestre precisione gli orari di “ammartaggio” e i razzoporti cominciano a denunciare qualche assembramento, soprattutto nelle zone di Cebrenia, Iapigia e  Cydonia. I problemi della circolazione è risaputo, lambiscono ormai anche la apparente quiete dei Buchi Neri.

L’altro giorno è stato il turno del rover Zhurong, egregiamente trasportato dalla sonda Tianwen-1 e il presidente cinese Xi, colto da una euforia che rischiava quasi di impigliarsi negli anelli di Saturno, ha enfatizzato l’evento brindando con spumante neozelandese, definendo l’impresa come una superba ” Missione storica”.

Che poi abbia fatto un cin cin con un extra brut Maori lascia qualche perplessità, non certo per diffidenza o pregiudizio ma per il semplice fatto che il retrogusto vagamente tatuato genera angoscianti titubanze fra gli esteti del Prosecco.   

Intanto la sonda Amal, partita il 20 luglio dello scorso anno dagli Emirati  Arabi , prosegue con successo le sue analisi di ‘carotaggio’ atmosferico , mentre Nasa ed Esa stanno mettendo in cantiere ulteriori crociere volanti destinate ad allargare le conoscenze complessive di un pianeta i cui connotati vanno via via rivelandosi, nella evolutissima ragnatela di analisi geologiche, fisiche e chimiche che evocano una riedizione moderna della corsa all’oro della fulgida epopea del vecchio West.

La cosiddetta News Space Economy sta prepotentemente invadendo una infinità di settori altamente innovativi e specializzati, mentre il business della immane torta del cosmo respira a pieni polmoni il profumo di pingui galassie di commesse dentro ardimentose scommesse, ovviamente scandite dal pentagramma dei budget, da rispettare a parte le non augurabili interferenze di qualche tsunami meteoritico.

E Perseverance lavora di brutto, dispiega i suoi strumenti per analizzare le rocce che lo circondano, così arrotondate da fare supporre un massaggio oceanico antico di qualche milioni d’anni .

Il rover della Nasa perlustra e fruga da diligente ficcanaso fra il terriccio fulvo e il pulviscolo dalle surreali iridescenze e il suo braccio robotico indaga alla caccia di indizi di forme di vita: un masso con prolasso dal profilo misterioso, labirinti di crateri, creste di materiali magmatici ed enigmatici, deserti ghiaiosi e rilievi vulcanici, avvallamenti simili a improbabili anfiteatri, forse parodie delle nostre fantasie più scalpitanti. 

C’è chi ha già prenotato il biglietto per andare su Marte : “Parti anche tu nel 2026”.

Il 18 febbraio 2021 il perseverante Perseverance, dopo un viaggio iniziato il 30 luglio 2020, si è posato nell’alveo del cratere Jezero recapitando quasi 11 milioni di nomi, quelli di tutti coloro, uomini e donne, che si sono assicurati un tagliando per una delle piroette  più fascinose dell’umanità.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!