Khaby faccia di gomma

Pubblicità

Di

Khaby ha una faccia che ti stecchisce. La sua smorfia da fesso e la sua gestualità da mimo parigino sono quanto di più affascinante si possa vedere. Crea empatia immediata e immancabilmente il sorriso si stampa sulla tuo viso.

Khaby, al secolo Khabane Lame è ormai un influencer di Tik Tok, dove raggranella più follower della Ferragni, un mostro di consensi da 50 milioni di seguaci. Oh ragazzi, Khaby non è di New York, è un ragazzo ventunenne di origini senegalesi che vive a Chivasso, nel torinese. Ma mica spopola solo lì, su Instagram ha il ragguardevole seguito di 12 milioni di persone, molte di più dei 7 milioni e rotti di Zuckerberg, che gli ha pure messo un like di incoraggiamento.

Khaby ha perso il lavoro in seguito al Covid e allora ha deciso di darsi alla comicità sui social. D’altronde quando hai tempo che ti avanza e non sai cosa fare ogni cosa è buona. Certo non immaginava di diventare in così breve tempo una star di Tik tok, al punto di guadagnare follower a milioni in pochi giorni.

Io l’ho visto per caso su Instagram qualche giorno fa e l’ho trovato strepitoso. Khaby non dice una parola, ci mette solo la faccia. I suoi video sono parodie di altri video che vogliono essere divertenti, in cui lui semplifica all’osso processi macchinosi e complicati. Khaby riesce, parassitando l’umorismo altrui, ad essere ancora un po’ più umorista, insomma, un po’ come se ci fosse un comico che prende in giro Claudio Bisio e fa più ridere di lui. La cosa è più difficile da spiegare che da vedere, per cui vi allego una serie di suoi video (guarda video qui sotto)


Khaby è al contempo banale e geniale. Le sue fesserie hanno qualcosa di veramente brillante, frutto di un’espressività incredibile e da una disarmante ovvietà. Khaby probabilmente sarà una meteora, ma in queste sue microscopiche gag, raggiunge dei picchi di umorismo davvero alti.

Come tutti sappiamo, raggiungere milioni di like, consensi, apprezzamenti non è impossibile. È difficile ma non impossibile. Ne sa qualcosa il capostipite delle fesserie social, Psy che, col suo brano Gangnam style, nell’ormai lontano 2012, spopolava in maniera assurda e incomprensibile. Gangnam Style è ancora attualmente uno dei tre video più visti nella storia dell’umanità, con più di tre miliardi di visualizzazioni. Addirittura la piattaforma Youtube ha dovuto cambiare i suoi algoritmi perché il limite di visualizzazioni era a due miliardi e 400 milioni, una cifra che si riteneva irraggiungibile. (guarda il video qui sotto)

A parte i coreani, nessuno ne ha mai nemmeno capito le parole. Le ho cercate, è una specie di canzone d’amore, abbastanza insulsa pure, ma il video di Psy con quella musica forsennata ha un che di ipnotico.

Tornando a Khaby, gli auguriamo grande fortuna e di poter far fruttare quella sua espressività unica e disarmante. E ci piace anche perché è un ragazzo umile che non sembra essersi montato la testa. Ha infatti dichiarato 

“Sono contento di essere il primo in Italia, ma il mio scopo resta semplicemente quello di far divertire la gente”.

E se ci riesce, saremo tra i suoi primi fan.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!