Pascale: non voto più Forza Italia!

Pubblicità

Di

Ha del clamoroso la dichiarazione via social di Francesca Pascale, ex fidanzatina d’Italia, quando era accoppiata con Silvio Berlusconi. “Perché non voto più forza Italia”. Lo scrive a seguito della dichiarazione di Antonio Tajani, coordinatore nazionale del movimento.

Tajani ebbe a dire: “Una famiglia senza figli non esiste”. Una scivolata poco accorta, visto che taglia fuori in automatico una bella percentuale di italiani, che di figli non ne hanno o non ne possono avere. La Pascale, che dopo il divorzio dorato dal cavaliere era tornata a una vita “normale”, non approva e sembra furente. 

C’è da dire una cosa, in pochi avevano creduto alla storia d’amore tra la Pascale e l’allora cavalier rampante Berlusconi. La tresca sembrava più una cosmesi di facciata che una reale relazione. Ma tant’è, anche la Pascale, finito il circo, ricevette una buonuscita di 20 milioni di euro più un vitalizio di un milione l’anno. Questo evidentemente non è bastato a farla tacere sui suoi orientamenti politici, anche se ha la bocca cucita sulla relazione col vegliardo patron di Forza Italia.

Nel frattempo un’altra ridipinta alla facciata del palazzo antico l’ha data la nuova “fidanzata”, certificata solo l’anno scorso. Marta Fascina, di anni 30, è la nuova fiamma dell’ormai 84enne Berlusconi. E blocchiamo subito le malelingue, cosa sono 54 anni di differenza quando c’è l’amore? (leggi qui sotto).


D’altronde la Pascale è lesbica, o perlomeno bisessuale, visto che abbandonato il rassicurante talamo del senile Berlusconi, si è buttata tra le braccia della pregevole cantautrice Paola Turci, donna di sicuro fascino e di profonde capacità poetiche e musicali.

Ovvio dunque il suo sostegno al disegno di legge Zan, contro l’omofobia, lo stesso per cui si era messo in gioco Fedez sollevando un polverone. (leggi qui sotto)


Il conseguente indignato attacco a Tajani e al suo vecchio amore, è dunque frutto di scelte logiche e consequenziali. Ed essendo la Pascale fuori dai giochi e profumatamente foraggiata per mantenere il silenzio da Berlusconi, può permettersi di mandare cortesemente affanbrodo il suo vecchio movimento di riferimento.

Nel frattempo, l’inossidabile immagine del cavaliere rampante permane, tra Ruby rubacuori e olgettine varie, il suo mito di torello italico non si disperde ed anzi si reitera anche con questa versione decisamente equivoca dell’inno di Forza Italia, cantato e ballato unicamente da ninfette ammiccanti (guarda il video).


Certo Berlusconi, nonostante tutto, non è l’Highlander di Lambertiana memoria e prima o poi, nonostante i milioni, dovrà cedere lo scettro. Sarà divertente allora, al saldo di fidanzatine e non, vedere che fine farà il movimento che ha retto le sorti d’Italia per un ventennio e che ora elemosina briciole come un randagio in piazza di Spagna.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!