20 anni fa, la morte di Carlo Giuliani

Pubblicità

Di

“Un mondo diverso è possibile”. Chi nel luglio del 2001 era a Genova in occasione del G8 intonava in coro il proprio mantra. Tra il fumo dei lacrimogeni e le cariche della polizia, con gli occhi e la gola in fiamme. Un mondo diverso è possibile. Vent’anni fa proprio come oggi. Tra crisi climatica, pandemia e ingiustizie sociale. Non solo è possibile, è più che mai necessario.
A poche settimane dalla pubblicazione dei video scandalo sui pestaggi avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, con aggressioni che ricordano da vicino quelle della scuola Diaz e della caserma di Bolzaneto avvenute a Genova, s’impone nuovamente una riflessione sulla tutela dei diritti umani. Diritti calpestati con troppa facilità un po’ ovunque. In nome della sicurezza e del rispetto delle leggi.
Se il potere di privare una persona della libertà è il più delicato dei compiti in mano allo Stato, che cosa è cambiato in vent’anni? C’è un filo che unisce George Floyd a Carlo Giuliani ucciso in Piazza Alimonda, il 20 luglio del 2001? Cosa rimane di quel G8 a vent’anni di distanza?
Ascolta il PodGAS, il podcast di GAS.

VUOI LEGGERE DI PIÙ?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere GAS
scopri le possibilità

Sei socio o hai già un abbonamento? Effettua l’accesso

Sei umano? *


Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!