L’appello di Funiciello

Pubblicità

Di

Un applauso va a uno degli (ormai asfittici) organi leghisti, il Mattinonline. In un articolone ponderoso, trattano lo scottante tema che riguarda la deputata della Gioventù Socialista Tamara Funiciello.

Il Mattinonline titola: Tamara Funiciello chiede soldi: “Eppure a Berna guadagna 130’000 franchi”.


Che fa la Funiciello? Avida e mai sazia zekka ro$$a? Si permette di chiedere denaro ai suoi sostenitori per la sua attività politica. Il che non vuol dire che, col franchino che le mandi, lei va a bersi i Mojito ad Acapulco, ma che li spende (si spera) in azioni volte a portare avanti, sostenere idee e lotte condivise anche da chi le vuole dare dei soldi. 

“Per il mio lavoro politico faccio affidamento su tante piccole donazioni. In questo modo posso raggiungere e coinvolgere più persone. Siccome non ricevo soldi da banche, assicurazioni e multinazionali la tua donazione può fare la differenza. Grazie mille per il suo sostegno!” 


Questo il tenore dell’appello-Funiciello. Un appello che troviamo in innumerevoli siti di politici e di partiti peraltro. Che poi è una tua decisione, se non glieli vuoi dare non glieli dai. Il Mattinonline dà ovviamente fiato alle trombe degli UDC che, a voce del Consigliere nazionale Andreas Glarner, si indignano per l’iniziativa della Funiciello:

“Che sfacciataggine! La signora incassa a Berna circa 130’000 franchi e fa l’elemosina…Cosa devono pensare gli operai, le cassiere, il personale di servizio che lei dice di rappresentare?”

Mah, pensano che i soldi li prendi pure tu, che probabilmente ti cucchi pure dei bei gettoni di presenza in Consigli d’Amministrazione. Tendenzialmente però sono affari di ogni parlamentare: primo, puoi chiedere soldi a chi vuoi, secondo – come dicevo -, la gente può sommergerti d’oro o sbattersene altamente e lasciarti in braghe di tela.

Fa specie che sia un organo leghista a menare il torrone, però ammettiamo che Lorenzo Quadri, direttore del Mattino della Domenica, municipale di Lugano e Consigliere Nazionale, di soldi non ne chiede. Glieli diamo già noi dei nostri, visto che è mantenuto da tempo immemore con soldi pubblici (leggi qui sotto).


Insomma, il nostro, lo ricordiamo, è un poveraccio da 230’000 franchi annui (altro che i 130’000 della Funiciello). Franchi che, non mi stancherò mai di ricordare, vengono purtroppo direttamente e proporzionalmente anche dalle mie tasche. Io che un lavoro ce l’ho e mi guadagno da vivere come le persone normali da una vita. 

Per cui fare le pulci alla Funiciello o a chiunque altro fa un po’ ridere i polli. Soprattutto se sei dell’UDC o della Lega. Se Glarner pensa che Tamara Funiciello sia sfacciata, sarebbe bello sapere cosa pensa dei soldi a cui aveva rinunciato il patron dell’UDC Christoph Blocher e che poi ha chiesto indietro con grande eleganza. Soldi pubblici (leggi qui sotto).


Blocher aveva infatti rinunciato al vitalizio come Consigliere federale, per poi tornare sui suoi passi con grande imbarazzo dei suoi tirapiedi. Insomma, un vero signore.

A questo punto, decidete voi se la Funiciello è “sfacciata” o se volete fare uno sgarbo a Glarner e mandarle qualche franco, così, solo per ripicca. Il link è questo:

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!