Per mattinieri che…amano i panda

Pubblicità

Di

La rassegna mattutina si apre col sondaggio, realizzato da SSR, riguardante la percezione della pandemia nel nostro paese. A seguire, il caso della lunga panne di ieri dei numeri di telefono d’emergenza e, per finire, alcune notizie che provengono da tutto il mondo. Fra queste, si parla anche del panda, il simpatico orso bianco e nero che è stato declassato dalle autorità cinesi come “specie vulnerabile”.

 #permattinieri🇨🇭🦠Aumentano i casi di infezione da coronavirus (ieri 323), ma non crescono (per fortuna) ricoveri e decessi. Da dicembre 2020 sono state somministrate più di sette milioni di dosi di vaccino. Circa tre milioni di persone sono completamente vaccinate.

🇨🇭 🦠 La SSR (Società Svizzera di Radiotelevisione) conduce periodicamente un sondaggio sulla percezione della pandemia. Al rilevamento, cui si poteva partecipare sui portali d’informazione della SSR, hanno preso parte più di 23’000 persone di tutte le regioni linguistiche. Secondo questo sondaggio la  disponibilità a farsi vaccinare si è praticamente esaurita. Nell’ultimo sondaggio di marzo, il 46% degli intervistati ha detto che si sarebbe vaccinato il prima possibile. A luglio, solo il 3% degli intervistati vuole essere vaccinato immediatamente. Si rileva un grande divario tra città e campagna. Nei grandi centri, solo il 16% non vuole essere vaccinato; nelle piccole città e nelle zone rurali, questa percentuale è quasi il doppio, il 30%. La ragione più frequentemente per non farsi vaccinare continua ad essere lo scetticismo sulla tecnologia mRNA (RNA messaggero).

La minore incidenza della pandemia ha però prodotto effetti di rilievo per il morale della popolazione, che appare in crescita. Sale anche la fiducia nell’operato del Governo. 

🇨🇭 Lunga panne ieri dei numeri telefonici di emergenza, dovuta a una guasto della Swisscom. La panne si è verificata durante i forti temporali con numerosi interventi della polizia e dei pompieri. Il guasto è stato riparato solo al mattino.

I numeri di emergenza non sono stati disponibili per ore durante la notte in gran parte della Svizzera. I numeri 112 e 117 sono stati particolarmente colpiti. Autorità cantonali ed esponenti politici hanno espresso grande preoccupazione. “Eserciteremo sicuramente la massima pressione possibile su Swisscom”, ha detto Fredy Fässler, presidente della Conferenza dei direttori cantonali di giustizia e polizia. Anche il presidente della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio degli Stati, Stefan Engler (centro/GR), ha reagito: se dovesse dare un voto a Swisscom, sarebbe un “insufficiente”, ha detto alla radio.

🇭🇹 Haiti. Un gruppo di 28 mercenari stranieri, tra cui soldati colombiani in pensione, ha assassinato il presidente di Haiti Jovenel Moïse, afferma la polizia. Dopo uno scontro a fuoco nella capitale Port-au-Prince, 17 di loro sono stati arrestati, alcuni nella casa che stavano usando, altri dopo essere entrati nel complesso diplomatico di Taiwan. Tre sospetti sono stati uccisi dalla polizia e otto sono ancora ricercati. Insanguinati e feriti, i sospetti arrestati sono stati mostrati ai media giovedì, insieme a una serie di armi sequestrate. Non è ancora chiaro chi abbia organizzato l’attacco e per quale motivo. La moglie del presidente assassinato, Martine Moïse, 47 anni, è stata ferita gravemente ed è in condizioni stabili dopo essere stata trasportata in Florida per essere curata.

Il governo di Haiti ha chiesto agli Stati Uniti di inviare truppe per proteggere le infrastrutture chiave dopo l’assassinio di Jovenel Moïse. Le autorità haitiane hanno detto di aver chiesto il supporto militare per proteggere il porto, l’aeroporto, i depositi di carburante e altre infrastrutture chiave, ha riferito il New York Times.

🇦🇫 “Controlliamo l’85% dell’Afghanistan”, hanno detto venerdì mattina alcuni esponenti talebani riuniti in conferenza stampa a Mosca, assicurando alla Russia di voler occuparsi esclusivamente dell’Afghanistan, di non avere alcun interesse a influenzare l’Asia centrale, un territorio che i russi considerano strategico e di non essere in alcuna maniera una minaccia per la regione. I talebani hanno precisato che con il loro controllo impediranno all’autoproclamato Stato islamico (IS) di svilupparsi nel Paese e che non permetteranno in nessun modo che l’Afghanistan venga usato da potenze straniere come base per attacchi nella regione.

🇧🇩 Un incendio in una fabbrica in Bangladesh ha provocato la morte di 52 persone e il ferimento di altre 30, affermano i servizi di emergenza.

L’incendio è scoppiato sera nella fabbrica Hashem Food and Beverage a Rupganj, una città industriale vicino alla capitale Dhaka. Le autorità hanno riferito che l’incendio ha preso piede a causa di sostanze chimiche e plastiche immagazzinate all’interno dell’edificio. Un funzionario dei vigili del fuoco ha detto alla BBC che il numero delle vittime potrebbe aumentare, dato che molti lavoratori non sono stati identificati. La fabbrica, situata in un edificio a sei piani, produceva succhi di frutta, noodles e dolciumi. Testimoni oculari affermano che diversi lavoratori sono rimasti feriti dopo essere saltati dai piani superiori della fabbrica. Le autorità hanno detto all’agenzia Associated Press  che la gente non è stata in grado di fuggire perché una porta che portava alle scale sul tetto era stata chiusa con un lucchetto.

🇺🇸 💊 USA. Doppio sviluppo nella vicenda dell’approvazione da parte del regolatore americano di un farmaco che potrebbe aiutare nella prevenzione e cura del morbo di Alzheimer e che in parte ha radici svizzere. Da un lato la Federal and Drug Administration ha notevolmente ristretto la precedente raccomandazione e ora suggerisce che solo le persone con lievi problemi di memoria dovrebbero riceverlo.

L’inversione di prescrizione, piuttosto insolita per un farmaco che è stato disponibile solo per poche settimane, è probabile che riduca il numero di americani che sono ammissibili per il trattamento a 1,5 milioni da sei milioni. L’approvazione dell’ Aduhelm (venduto come Aducanumab) all’inizio del mese scorso è stata una delle decisioni della FDA più controverse degli ultimi anni. I gruppi che rappresentano i pazienti di Alzheimer avevano intensamente fatto pressione sull’agenzia per approvare il primo nuovo farmaco per trattare la malattia in 18 anni, il primo mai progettato per attaccare le sue basi biologiche. Parte della comunità scientifica ha detto che non ci sono prove convincenti che il farmaco funzioni.  Tre esperti si sono dimessi dalla commissione dopo questa approvazione. 

Altro aspetto controverso: il produttore del farmaco, Biogen, ha chiesto 56.000 dollari all’anno per il farmaco. I costi associati – come per la diagnostica e il monitoraggio della sicurezza, dato che gli effetti collaterali del farmaco includono gonfiore e sanguinamento del cervello – potrebbero aggiungere decine di migliaia di dollari al conto annuale di ogni paziente. Questa decisione aumenta anche sostanzialmente le probabilità che il sistema sanitario nazionale e gli assicuratori privati limitino la copertura del farmaco. Ciò significherebbe che i pazienti con Alzheimer moderato o grave dovrebbero pagare i costi annuali di tasca propria, cosa che gli esperti considerano improbabile che accada spesso. 

Il secondo aspetto riguarda la procedura di approvazione. La commissaria ad interim della FDA Janet Woodcock chiesto un’indagine da parte dell’Ufficio dell’ispettore generale del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

“Ci continuano ad essere preoccupazioni, ha scritto Janet Woodcock, per quanto riguarda i contatti tra i rappresentanti di Biogen e l’agenzia federale durante il processo di revisione, compresi alcuni che possono essersi verificati al di fuori del processo di corrispondenza formale”. In parole povere chiede un’inchiesta per capire se c’è stato favoritismo nell’approvazione così accelerata.

🐼 🇨🇳 Il panda gigante non è  più classificato come specie in pericolo, ma resta ancora vulnerabile, dicono le autorità cinesi.

La classificazione è avvenuta poiché il loro numero in natura ha raggiunto 1.800 esemplari. Gli esperti ritengono che il paese sia riuscito a salvare il proprio animale iconico attraverso sforzi di conservazione a lungo termine, compresa l’espansione degli habitat. La Cina considera i panda un tesoro nazionale, ma li ha anche prestati ad altri paesi come strumenti diplomatici.

L’ultimo aggiornamento della classificazione “riflette le loro migliori condizioni di vita e gli sforzi della Cina nel mantenere i loro habitat integrati”, ha detto Cui Shuhong, capo del Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente del Dipartimento della Natura e della Conservazione dell’Ecologia in una conferenza stampa.

La nuova classificazione arriva anni dopo che l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) aveva già rimosso l’animale dalla sua lista di specie in pericolo e rietichettato come “vulnerabile” nel 2016.  All’epoca, tuttavia, i funzionari cinesi avevano contestato la decisione, dicendo che questo poteva indurre la gente a credere che gli sforzi di conservazione potessero essere allentati.  

🎾Tennis. La finale del torneo di Wimbledon sarà Berrettini-Djokovic. L’italiano ha battuto in quattro set il polacco Hurkacz e sarà il primo italiano a giocare – domenica – una finale del torneo di Wimbledon in 144 anni di storia. Djokovic ha faticato, ma ha battuto in tre set il canadese Shapovalov. Oggi in campo la Barty e la Plishkova per la finale femminile. 

🚴 Ciclismo. Il britannico Mark Cavendish ha raggiunto Eddy Merckx: ha infatti ottenuto il quarto successo in questa edizione del Tour de France. Arriva così a 34 vittorie di tappa. Naturalmente la grande differenza è che Merckx ha vinto su tutti i terreni, mentre Cavendish si è sempre imposto in volata. La maglia gialla resta sulle spalle dello sloveno Tadey Pogacar.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!