A Sarajevo bruciarono la cultura

Pubblicità

Di

Nella notte fra il 25 e il 26 agosto del 1992 le truppe serbo- bosniache, guidate dal generale Ratko Mladić, bombardano e incendiarono la Vijećnica, la Biblioteca Nazionale di Sarajevo. La biblioteca custodiva 1,5 milioni di libri, più di 155’000 volumi e manoscritti rari, oltre 600 serie di periodici, il catalogo completo di tutti giornali e riviste pubblicati in Bosnia dalla metà del 19° secolo, come pure le principali tesi di ricerca dell’Università di Sarajevo. Le fiamme avvolsero tutto e di quell’immenso patrimonio storico e culturale riuscì a salvarsi solo il 10%.

Questa scellerata operazione militare e criminale aveva uno scopo simbolico ben preciso: cancellare ogni testimonianza dell’incontro e legame fra i popoli, culture e religioni.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!