La santa pazienza di Merlani

Pubblicità

Di

Giorgio Merlani è ormai il volto rassicurante e serio, di una pandemia che ha fatto nascere tifoserie che nemmeno al Maracanà. Chi non si vuole vaccinare, chi non ci crede, chi ha fede assoluta nella scienza, chi è pratico. il “popolo” non è per nulla compatto.

Merlani, nel mezzo, si è trovato in una situazione surreale, che ha estrinsecato sui social, con un post, fatto durante la manifestazione no vax di sabato a Bellinzona, dove qualche centinaio di irriducibili paladini della “libertà” si sono dati convegno, a suon di campanacci e di dichiarazioni tonanti, sui diritti dei cittadini a fare in fondo quello che gli pare.

Merlani, che si trovava in Governo proprio per lavorare nell’ambito della pandemia, ci dice:

“Ironico… passo il sabato in ufficio per lavoro dovuto alla pandemia … e centinaia di persone in piazza (rigorosamente senza mascherina) manifestano (diritto sacrosanto) contro le misure, tanto è un complotto ! Ma sono l’unico stupido a credere che c’è ancora un problema?”

Dunque, è ovvio che ci sono un sacco di diverse interpretazioni. In tutto questo bailamme, quelli come me, anche se sanno che Giorgio Merlani non è un eroe della Marvel e Raffaele de Rosa non è il professor Xavier degli x-man, tendono a fidarsi delle autorità. Che per l’amor del cielo, possono sbagliare.

Una certezza è però che chi era in piazza sabato, basa le sue convinzioni, variegate e difformi tra loro, non sulla logica ma su presunte truffe e complotti (di cui non c’è nessuna prova) e su convinzioni olistiche e spirituali che a volte rasentano, superano e lasciano indietro in una nuvola di polvere il ridicolo.

Di coloro che osteggiano il vaccino e rivendicano una libertà che non hanno mai perso, abbiamo parlato oggi in un interessante articolo che si basa sullo studio scientifico del dipartimento di scienze cognitive e processi decisionali dell’Università di Sidney. Tra i risultati dei ricercatori leggiamo:

“Molti dei tratti della personalità osservati in chi non ottempera sono innocui se presi singolarmente. Tuttavia, se li uniamo nella stessa persona durante le circostanze dovute alla pandemia, possiamo tracciare un identikit piuttosto accurato dello scettico medio, una persona che per diverse ragioni si trova in una situazione di difficoltà che non ha i mezzi per affrontare in modo sano” (leggi qui sotto)

In breve, se si ha paura della pandemia, meglio negarla e credere di avere mezzi particolari per combatterla, al posto di ascoltare medici cantonali e autorità sanitarie, che in questo tipo di pensiero sono tutte colluse con chissà quali major farmaceutica. A costoro sfugge che anche Merlani e de Rosa hanno nonni e figli per cui hanno paura. 

Certo che per un professionista della sanità, dev’essere frustrante rendersi conto che frange cospicue della società, non solo non si vogliono vaccinare, e su questo si può anche discutere, ma fanno scientemente una malevola propaganda contraria al vaccino, spaventando altre persone e rallentando così l’uscita di noi tutti da queste faticose misure sanitarie che ci hanno stufati un po’ tutti.
Comunque Merlani ha ragione, un problema c’è, ed è quello rilevato anche dallo studio australiano: come comunicare con questa gente? 

“Comprendere quali caratteristiche innescano quali processi decisionali potrebbe aiutarci a capire meglio come comunicare con la popolazione in modo da convincere tutti. (…) ad esempio, abbiamo capito che un argomento di tipo morale sarà poco efficace con un gruppo tendente all’amoralità, e usarlo avrà il risultato negativo di allontanare ulteriormente questa demografica.”

Il muro contro muro, anche se ovvio vista l’esasperazione delle varie fazioni, porta a poche soluzioni e incarognisce ulteriormente la tifoseria no-vax, che seppur rumorosa, è una minoranza che si sente discriminata. Comunque, per concludere, come non citare un esimio collega di Merlani, nel nome del quale lo stesso medico cantonale ha prestato giuramento?

“Ci sono nei fatti due cose: scienza ed opinione; la prima genera conoscenza, la seconda ignoranza.”

Ippocrate

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!