I sogni (arcobaleno) dei polpi

Pubblicità

Di

Chi l’avrebbe mai detto che anche i polpi, quando cadono fra le braccia – o, meglio, i “tentacoli” – di Morfeo sognassero? E invece è proprio così e a mostrarcelo è la piccola Heidi, salvata da morte certa grazie al professor David Scheel, biologo ed esploratore marino dell’Alaska Pacific University, che l’ha cresciuta nel salotto di casa sua come un vero animale domestico.

Nel video si vede la simpatica polipetta dormire e, a un certo punto, cambiare velocemente colore. Per questi animali è normale cambiare colore durante il giorno per mimetizzarsi nell’ambiente quando cacciano una preda o per proteggersi dai suoi predatori. Ma il cambiamento repentino di colore durante la fase del sonno è un comportamento così raro da vedere che ha permesso alla scienza di studiare -e ipotizzare- qualcosa di nuovo: anche i polpi sognano.

Ma questo non è l’unico comportamento singolare di questo polpo. Il professor Scheel afferma anche che a volte la piccola Heidi si comporta come un qualsiasi animale domestico capace di riconoscerlo avvicinandosi al vetro dell’acquario per salutarlo ogni volta che lui entra nella stanza a osservarla. Tutto ciò ha permesso di creare un forte legame tra i due anche se quelle del professore attualmente sono solo affascinanti ipotesi. Il professore passa molto tempo con la sua piccola polipetta per studiarla sì, ma soprattutto per interpretare i suoi sogni. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!