Il Duce non dorme mai

Pubblicità

Di

Il 23 settembre, veniva fondata la repubblica di Salò, ultimo baluardo della cieca fede fascista. Perciò di Camillo Berneri, filosofo, scrittore e anarchico italiano morto sul fronte antifascista spagnolo, ho riletto in questi giorni alcuni interessantissimi passi del saggio “Mussolini grande attore”, una ristampa riveduta e ampliata dell’edizione “Mussolini psicologia di un dittatore”: già alcuni titoli dell’indice offrono spunti emblematici tipo “Il Barnum degli dei”, “Il tribuno”, “Il mito del demiurgo” , “Il superuomo” e “L’attore – regista”

In una acuta analisi imperniata sulla demagogia oratoria e sulla spallata ipnotica inferta a un’intera nazione, emerge soprattutto la immane forza della propaganda nell’ambito delle scuole primarie, dove alunni e alunne ebbero a subire una tempesta manipolatoria di straordinaria efficacia.

Furono in effetti le scuole uno dei granai più prolifici, destinati a plasmare gli entusiasmi plagiati e le gonfiate suggestioni che trovavano poi l’immancabile sublimazione nell’addestramento della gioventù fascista, sino alla esacerbazione dell’estasi nei Campi Dux dove alitava, cadenzato e prepotente, lo slogan a mascella slogata: “Libro e moschetto fascista perfetto”.

Quanto ai moschetti, per la maggior parte si rivelarono, nel momento della bisogna, una “mosconata”, per inefficienza, macchinosità e obsoleta datazione.

È pregno di surreali riferimenti il diario di una diligente e plasmata alunna che elenca l’interminabile sequenza delle fasi lunari e lunatiche delle orbite ducesche: la maestra che illustra ed enfatizza la strategica funzione della Battaglia del grano; la commemorazione di Crispi con l’inevitabile parallelo fra un mito consolidato e un futuro mito; la trepidante sottolineatura dell’anniversario della Marcia su Roma; la Giornata del riso, proclamato alimento nazionale e iper nutrizionale;  la sacralità dell’anniversario della fondazione dei Fasci di combattimento; la conclamata Giornata del Pane e il pingue sanguigno riepilogo dei proclami.

In ogni aula si distribuiva gratuitamente “La vita di Mussolini ”  tratteggiata dalla  penna, a passo d’oca, di Giorgio Pini, e le sedi più fortunate disponevano di un fonografo che serviva a fare intendere, la voce del padrone.

Il culto del “capo assoluto” assume le connotazioni di una grottesca commedia quando si scorrono i versi di una preghiera imposta agli alunni delle scuole italiane in Tunisia: 

“Io credo nel sommo Duce – creatore delle Camicie Nere – E in Gesù Cristo suo unico protettore…”

Il vertice miracolistico, nell’apnea della recitazione, si racchiude nelle fatidiche righe : 

“Fu prode soldato, ebbe dei nemici -Discese a Roma; il terzo giorno – ristabilì lo Stato – Siede alla destra del nostro Sovrano – Di là a da venire a giudicare il bolscevismo”.

Blasfemia e disturbata amplificazione, millantata retorica e militarizzata trascendenza, folle esondazione di caricaturizzati eccessi.

Tutto, già tutto era ormai perduto.

Lo si intuisce dai pensieri di qualche scolaro in catarsi: 

“Il Duce lavora sempre o non dorme mai, o quasi. Chiude gli occhi ogni dieci minuti, poi si desta, si dà una bella lavata, e torna subito a lavorare che è fresco come una rosa”.

Per chiudere in afflitta bellezza, un’altra perla: 

“Lui è molto coraggioso tanto è vero che, due ore dopo l’attentato di Bologna, andò a suonare il mandolino con la sua famiglia”.

E dopo averlo suonato con somma competenza nel salotto buono, il mandolino lo stampigliò sul didietro degli italiani, grande come una casa popolare che implode per la mascellare metodica della manutenzione.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!