Non la penso come voi

Pubblicità

Di

Caleb Wallace, leader dei no mask texani muore il 26 luglio, dopo 21 giorni di agonia. Pieno delle sue convinzioni, si era limitato ad assumere vitamina C e zinco aspirina. Lascia una moglie incinta e tre figli. La poveretta sta chiedendo scusa all’universo mondo.

21 agosto muore l’emblema dell’assurdo: Geraldine Williams, inglese, negazionista del covid e no vax. Aveva una figlia infermiera impegnata in prima linea contro il virus. La ragazza ha scritto nella speranza che: “condividendo la sua storia e il nostro dolore, anche solo una persona con queste ridicole e pericolose convinzioni ci possa ripensare“.

23 agosto muore il presentatore radiofonico conservatore Phil Valentine, prendeva in giro nelle sue trasmissioni la campagna vaccinale. In ospedale aveva cambiato idea e promesso di fare campagna per i vaccini. Non ha fatto in tempo.

Rovigo, Il 25 agosto se ne va rantolando Paolo Franzoso, un capo reparto dei vigili del fuoco 53enne e no vax. Non aveva nessuna patologia pregressa. Luca Zaia, governatore del Veneto, ha ribadito l’importanza di vaccinarsi.

26 agosto, Aaron e Free Jaggy Brandon, due Fratelli no vax di 35 e 41 anni, muoiono a un giorno di distanza l’uno dall’altro a Jacksonville in Florida, La madre, vaccinata e disperata, ha fatto un appello agli statunitensi per vaccinarsi.

Candido Avezzù, poliziotto 58enne e convinto no vax, diceva “io sono più forte del covid”. Muore a causa del virus dopo un mese in ospedale il 29 agosto. Evidentemente era più forte il virus.

Cinque casi estremi di cocciutaggine letale, di quella che ti porta nella tomba. Per un ideologia? Per la libertà? No, questo è proprio morire per niente.

27 luglio 2021, non muore nessuno, ma Marco Natali si trova di fronte una manifestazione di No-vax a Lodi mentre accompagna la fidanzata dall’estetista. Marco è giovane, ha vent’anni e tutta la vita davanti, lui. Si avvicina e chiede la parola. Partono gli applausi, che lui stoppa subito:

“No, non applaudite, non la penso come voi. Il 18 marzo dell’anno scorso mio padre, che era un medico, è morto di Covid. L’11 marzo ho ricevuto un suo messaggio che diceva che non respirava, e dopo pochi giorni ci ha lasciato. Se ci fosse stato il vaccino probabilmente lui sarebbe ancora qua…”. (guarda il video)

Papà Marcello, 57 anni e medico di famiglia, come diremmo noi, era in prima linea in paesi come Codogno, dove era stato scoperto il paziente 0. 608 morti in 12 mesi su 15’000 abitanti nel 2020. Marco quando sente gente che mette in dubbio non solo la pandemia, ma anche la morte delle persone, non ci vede più, ed è comprensibile. Queste persone, non si rendono conto del mare di sofferenza che li circonda, e quanto sia doloroso, per i parenti dei morti, sentire enunciare una serie di corbellerie crudeli.

Marcello muore a causa di una polmonite fulminante che in 7 giorni lo porta alla tomba:

“Non riuscii quasi mai a telefonargli – Racconta Marco – un giorno stavo facendo il caffè e preparai la tazzina anche per lui: un’abitudine. Mia madre mi consigliò di chiamarlo e dirglielo. Parlava a fatica, la nostra conversazione durò meno di un minuto. È l’ultimo ricordo che ho di lui, vivo”.

Molti, troppi di noi, porteranno con se questi ultimi giorni non detti, solo pensati, di addii inesistenti e morti solitarie. Ci meritiamo di meglio delle cazzate dei no vax.

Nel frattempo i morti in Ticino sembrano il prezzo di un bene di lusso da manor: 999. Chi avrà l’onore di essere il millesimo?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!