Quando i pagliacci fanno oooh…

Pubblicità

Di

Il concertino previsto in Val di Blenio dei no vax nostrani, capitanato dall’esimio dottor Ostinelli, non avrà luogo. Giuseppe Povia, star della canzone no-vax ed estremista è stato costretto a dare forfait.

E non per il cattivo tempo, come recitavano una volta le registrazioni del numero verde in relazione alle gite scolastiche. Il perché ce lo spiega direttamente il menestrello dell’estrema destra Povia:

Di pagliacci Povia certo se ne intende, visto il circo che riesce a tirare in piedi ogni tre per due. Scandaletti, polemiche, dichiarazioni intolleranti e al vetriolo sono all’ordine del giorno (leggi qui sotto). Eric Beretta, proprietario dell’azienda agricola dove si sarebbe tenuto il concerto, dovrà aspettare un po’ per poter riascoltare le melanconiche note di Giuseppe Povia tra balle di fieno e occhi langudi di frisone commosse. 

E si che Ostinelli, medico no vax in rotta con tre quarti dei ticinesi (il rimanente quarto lo ignora, a parte qualche centinaio di facinorosi che lo osannano come il guru di una setta), in merito alla festa in val di Blenio aveva scritto: 

“Un pomeriggio per conoscerci, per continuare la missione di ARCA21 e per incontrare un artista che da anni racconta e denuncia il marcio della nostra società.”

La fama vergognosa di Povia, si è rovinosamente sfasciata sul povero Ostinelli, che delle due: o è ingenuo o condivide certe schifezze che Povia continua a propinarci da anni. Omofobo, vicino ad ambienti cattolici e di estrema destra, sovranista e salviniano, Povia racchiude in sé proprio tutto il marcio, altro che denunciarlo. 

Ah, a scanso di equivoci per i più sanguigni, non è la dittatura sanitaria ad aver annullato il concertino di Povia, ma gli stessi organizzatori. Infatti, dopo che il Comune, all’oscuro dell’evento musicale, ha scoperto il tutto ha richiamato l’azienda agricola e i proprietari al rispetto delle norme in vigore circa il numero massimo di persone (e già violate durante l’evento inaugurale della stessa associazione). Messi alla strette, secondo loro, dalla troppa “pressione” (il comune di Acquarossa aveva annunciato che alla serata ci sarebbe stata anche la polizia) hanno così deciso di annullare l’evento di loro spontanea volontà.

Comunque, se questi sono i cialtroni che Ostinelli ritiene adatti a portare avanti le sue idee, che ormai non si capisce più bene quali siano, tra presunte dittature e cerchi magici nei boschi, siamo di fronte alla nascita di un’altra setta in stile QAnon.

Uno di quei gruppi che raccolgono le menti più disturbate in circolazione, dando loro la falsa illusione di uno scopo. Uno di quei gruppi che sfruttano solitudini, inadeguatezza e tristezza, par raccogliere accoliti disorientati, che così trovano una via da percorrere piena di certezze costruite, seppur fittizie.

La pressione dei media e l’impresentabilità del personaggio, hanno giustamente falciato le gambe a Povia, che sarà costretto a cantare alle feste del popolo della famiglia o al massimo alla sagra della salsiccia di Forza Nuova.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!