“Salvate i bambini di Kabul”

Pubblicità

Di

Dopo giorni di ansia, in attesa delle condizioni che permettessero di raggiungere l’aeroporto di Kabul, con i talebani che battevano i quartieri, casa per casa, cercando attivisti e collaboratori occidentali, 14 bambini e ragazzi disabili, orfani o abbandonati dalle loro famiglie, sono riusciti ad imbarcarsi sul volo del ponte aereo organizzato dall’operazione italiana “Aquila 1”. 

Un’operazione che ha portato in Italia circa 5’000 afgani e terminata il 29 agosto.

Questi ragazzi, accompagnati da cinque suore e un sacerdote, (in carrozzina e non autonomi) non sarebbero mai sopravvissuti all’inferno di Kabul. Ospiti presso l’associazione PBK “Pro Bambini di Kabul”, gestita dalle suore di Madre Teresa, e istituita il 7 aprile 2004, che si è attivata dopo l’accorato grido di Giovanni Paolo II “Salvate i Bambini di Kabul” nel discorso di Natale del 2001.

Il centro PBK, diretto dalla missione cattolica intercongregazionale, era la sola scuola in Afghanistan che accoglieva ragazzi dai 6 a 20 anni con ritardi nello sviluppo mentale, alcuni con sindrome di down, spesso abbandonati per strada da famiglie molto povere e incapaci di prendersene cura.

Se non abbandonati questi bambini venivano segregati in casa, nascosti, perché la società afghana vede la disabilità come una piaga; molti di loro sono traumatizzati già nel grembo materno per cui nascono con problemi, malformazioni o qualche forma di disabilità.

L’associazione PBK da subito ha accolto bambini disabili, orfani oppure abbandonati a causa della povertà, con l’obbiettivo di far crescere le loro potenzialità attraverso l’istruzione e l’insegnamento cercando, quando possibile, un’inclusione nel tessuto sociale e gli operatori della scuola, tutti afghani, che prestavano volontariamente la loro manodopera.

La partenza della 5 suore e dei 14 ragazzi da loro accuditi è stata difficile e drammatica; suora Shahnaz, 46 enne pakistana racconta:

“Nessuna organizzazione, dalla Nato alla Catholic Relief Services, se la sentiva di prendersi la responsabilità di accompagnarci all’aeroporto in quanto la sicurezza non poteva essere garantita; solo il 25 agosto, verso le 22.00, un pullman scortato dalla polizia, da padre Scalese e da Alberto Cario della Croce Rossa, sono riusciti ad accompagnarci all’aeroporto di Kabul e siamo riusciti finalmente a partire -la religiosa continua – Sono qui sana e salva ma ogni volta che sento bussare alla porta sento un tuffo al cuore e mi sale il terrore”.

Suora Shahnaz Prosegue con la sua angosciosa storia: “Il giorno seguente la caduta di Kabul tutti erano nel panico e volevano solo partire, si viveva nel terrore, non passava giorno senza che arrivasse qualcuno a chiedere una lettera di referenza a nome del PBK, nella speranza che potesse servire a lasciare il paese”.

Dopo questa drammatica testimonianza il pensiero va ai tanti rimasti che chiedono aiuto per lasciare il paese martoriato, a quelli che riusciranno a salvarsi e a quelli abbandonati al proprio destino.

La Svizzera, per ora, non accoglierà contingenti di profughi afghani. Ignazio Cassis, responsabile degli affari esteri della Confederazione, il 18 agosto, ha detto: “Il Consiglio federale ha deciso di non approvare la richiesta proveniente da varie organizzazioni, di ammissione immediata nella Confederazione di cittadini afgani in fuga”.

Per i socialisti, verdi e varie ONG “la Svizzera non puo’ guardare dall’altra parte”, partiti e associazioni, criticano l’attendismo del Consiglio federale e chiedono un visto umanitario per 10’000 afghani in pericolo di vita.

Il grido di dolore lanciato da Papa nel Natale del 2001 “Salvate i bambini di Kabul”, risuona più che mai attuale e urgente.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!