Strage di Beslan: quando ci uccisero i nostri bambini

Pubblicità

Di

Primo settembre 2004. Nella Federazione Russa si festeggia la “Cerimonia della prima campanella”, che segna l’inizio della scuola. È un giorno di gioia pure nella scuola Numero 1 di Beslan, nell’Ossezia del Nord (regione del Caucaso), fino a quando un gruppo di terroristi armati ceceni, irrompe nell’edificio sequestrando circa 1200 persone fra adulti e bambini.

Due giorni dopo, le forze speciali russe decidono di far irruzione. È l’inizio di un vero e proprio massacro che porterà alla morte di 334 persone, fra questi 186 bambini, ed oltre 700 feriti.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!