C’è chi dice no

Pubblicità

Di

Finalmente qualcuno che si alza in piedi e non ci sta.

Accade che Giorgia Meloni, travolta dallo scandalo fascismo e dall’inchiesta di Fanpage, nel tentativo di ripulire la propria immagine decida di recarsi al Ghetto ebraico di Roma in ricordo del tragico rastrellamento nazifascista del 16 ottobre 1943.

Quando la notizia si sparge, la reazione della comunità ebraica è di fastidio e imbarazzo.

Al punto che la Presidente Ruth Dureghello (a sinistra) alza il telefono e respinge chiaramente la proposta al mittente.Il motivo? Perché si tratta di una visita – testualmente – “quanto mai inopportuna”, soprattutto alla vigilia dei ballottaggi.

“Non può esserci spazio nei partiti dell’arco costituzionale per chi fa il saluto romano, inneggia a Hitler e insulta neri e ebrei” aveva detto pochi giorni fa Dureghello.

Il messaggio è cristallino: sciacalli e ipocriti qui non ne vogliamo. Grazie alla Comunità ebraica e alla Presidente Dureghello per averglielo ricordato con tanta fermezza e dignità.

Era ora.

Lorenzo Tosa

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!