Da oggi test a pagamento per gli asintomatici

Pubblicità

Di

#permattinieri 🇨🇭 🦠 Da oggi i test anti-covid per chi non ha sintomi e vuole ottenere il green pass sono a pagamento, secondo la decisione del consiglio federale. Eccezioni: chi ha meno di 16 anni, chi è in attesa della seconda dose (fino a fine novembre), chi non può vaccinarsi per motivi medici, chi partecipa a campagne di test ripetuti organizzate dalle aziende. Sono gratuiti i test per chi visita le strutture sanitarie, ma non danno diritto al certificato vaccinale, obbligatorio per ristoranti e bar all’interno e per manifestazioni ed eventi.

🇦🇺 🦠 La città australiana di Sydney è uscita dall’isolamento dopo quasi quattro mesi e la gente ha festeggiato una serie di nuove libertà, mettendosi in coda per pub e negozi che hanno aperto a mezzanotte di lunedì appositamente per l’occasione.

Il lockdown ha bloccato le visite nelle case e i viaggi oltre una zona di 5 km, separando molte famiglie. Le persone possono ora condividere i pasti insieme in caffè e ristoranti riaperti e visitare palestre, biblioteche e piscine. 

🇵🇱 Polonia. Manifestazioni in più di cento città a favore dell’appartenenza all’Unione Europea. Giovedì la massima corte polacca ha stabilito che gli articoli chiave della legge europea sono “incompatibili” con la costituzione, ciò che ha suscitato la reazione stizzita della Commissione Europea, che ha detto: “Utilizzeremo tutti i mezzi a disposizione per combattere questa posizione.” Gli organizzatori hanno detto che le proteste hanno avuto luogo in più di 100 paesi e città, con circa 100.000 persone hanno partecipato solo a Varsavia. Donald Tusk, ex presidente del Consiglio europeo e ora leader del partito di opposizione Piattaforma Civica, ha invitato la gente a “difendere una Polonia europea” durante la manifestazione nella capitale.

🇮🇶 Iraq. Gli iracheni hanno votato nelle prime elezioni parlamentari dopo le proteste di massa per la corruzione, la disoccupazione e i servizi scadenti dello stato scoppiate nel 2019. Lo scrutinio era previsto per il prossimo anno, ma è stato anticipato di sei mesi in risposta ai disordini, durante i quali centinaia di persone sono state uccise.

Anche il vecchio sistema elettorale basato su liste di partito è stato sostituito con uno inteso ad aiutare i candidati indipendenti.

Tuttavia, i principali blocchi musulmani sciiti sono ancora destinato a ottenere il maggior numero di seggi.

Essi hanno dominato il parlamento dall’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2003, che ha rovesciato il regime di Saddam Hussein e ha inaugurato un sistema di condivisione del potere basato sull’identità etnica e settaria che ha permesso a una ristretta élite di mantenere una salda presa sul potere e ha incoraggiato il clientelismo e la corruzione. L’affluenza al voto è stata bassa. Il capo della commissione elettorale ha detto all’agenzia di stampa France Presse, che è stata stimata a poco più del 30%. Le proteste del 2019 hanno visto centinaia di migliaia di persone, per lo più giovani, scendere nelle strade della capitale, Baghdad, e nelle città del sud, prevalentemente sciita, per esprimere la rabbia per le misere condizioni economiche e di vita sopportate dalla maggior parte degli iracheni nonostante le enormi risorse petrolifere del paese. Il governo dell’allora primo ministro Adel Abdul Mahdi si è dimesso dopo poche settimane, ma i manifestanti hanno continuato e hanno insistito che volevano spazzare via l’intero establishment politico. Più di 550 manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza e da uomini armati sospettati di legami con le milizie sciite sostenute dall’Iran all’interno della forza paramilitare di Mobilitazione Popolare tra ottobre e dicembre 2019. 

🇻🇦 Papa Francesco ha lanciato quello che alcuni descrivono come il più ambizioso tentativo di riforma della chiesa cattolica degli ultimi 60 anni. Un processo di due anni per consultare ogni parrocchia cattolica nel mondo sulla direzione futura della Chiesa è iniziato in Vaticano questo fine settimana. Alcuni cattolici sperano che porti a cambiamenti su questioni come l’ordinazione delle donne, i preti sposati e la posizione sulle relazioni omosessuali.  Nel fronte conservatore c’è il timore che possano venir minati i principi fondanti della Chiesa. Papa Francesco ha esortato i cattolici a non “rimanere barricati nelle nostre certezze” ma ad “ascoltarsi l’un l’altro” quando ha lanciato il processo durante la Messa nella Basilica di San Pietro. “Siamo pronti per l’avventura di questo viaggio? O abbiamo paura dell’ignoto, preferendo rifugiarci nelle solite scuse: ‘È inutile’ o ‘Abbiamo sempre fatto così’?”, ha chiesto. Il processo di consultazione, chiamato “Per una Chiesa sinodale: Comunione, partecipazione e missione”, funzionerà in tre fasi: Nella “fase di ascolto”, le persone nelle parrocchie e nelle diocesi potranno discutere una vasta gamma di questioni. La “fase continentale” vedrà i vescovi riunirsi per discutere e formalizzare i risultati. La “fase universale” vedrà un incontro di un mese dei vescovi in Vaticano nell’ottobre 2023.

⚽️ Calcio. La Francia ha vinto la Nations League, battendo in finale la Spagna per 2-1. Terzo posto per l’Italia, che ha battuto il Belgio con lo stesso punteggio (2-1).

🏎 Formula Uno. Bottas su Mercedes vince il Gran Premio di Turchia. Con il secondo posto Verstappen (Red Bull) supera Hamilton (arrivato quinto) nella classifica del mondiale piloti. Verstappen ha sei punti di vantaggio a sei gran premi dalla fine della stagione.

Rinnovare la chiesa cattolica: Francesco lancia una consultazione nelle parrocchie di tutto il mondo

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!