“Dj KVR” è ora su Spotify…

Pubblicità

Di

Di cosa parleremo oggi su “Attualità liscia o gassata”? Vi diamo cinque indizi: investimenti offshore, 50 franchi, social network, anguille e una sigla “KVR”. Quali notizie si celano sotto queste parole? Scopritelo leggendo!

I Pandora Papers hanno scoperchiato un mondo fatto di investimenti offshore. Lo sapevamo tutti, ma qui ci sono i documenti. Dopo due giorni di grandi titoli sui giornali e i siti di tutto il mondo, dopo le smentite di tutte le società e le persone coinvolte, è calato il silenzio. Sarà molto rumore per nulla oppure l’opera da tre soldi.

Non piace molto ai cantoni la proposta di un buono di 50 franchi per chi procura un amico o un parente che si vaccina. Immediata nuova proposta del consulente marketing dell’ufficio della sanità pubblica, si passa ai bollini che danno diritto a pentole a prezzo ridotto oppure alla promozione “tre vaccini al prezzo di due”. Tanto una sciocchezza vale l’altra. 

Spiaze – come dice l’Inzaghi dell’Inter – parlare spesso di Karin Valenzano Rossi, che se fosse inglese o americana farebbe la gioia dei titolisti con l’acronimo KVR, che farebbe risparmiare loro un sacco di caratteri. Per rispondere a un’interpellanza sull’uso della forza da parte della polizia per interrompere una festa in un parco di Lugano, ha fatto sentire con il suo telefono cellulare la musica che veniva suonata quella sera e disturbava il vicinato. Potrebbe inaugurare una tendenza. Per dire, Sergi e Pronzini potrebbero sostituire i loro brevi interventi in consiglio comunale o in Gran Consiglio con “C’è chi dice no” di Vasco Rossi oppure Pamini potrebbe far riecheggiare le note di “Non c’è niente da capire” di Francesco de Gregori. Spotify ha già mostrato interesse alla creazione delle playlist dei politici, KVR può chiedere i diritti sull’idea.

Abbiamo vissuto circa sei ore senza Facebook, WhatsApp e dintorni. Panico soprattutto nelle aziende e nei parlamenti: bisognava seguire quel che si stava dicendo durante le riunioni. 

È successo a Chiasso Brogeda. Beccato in dogana e multato per il possesso di 16 anguille, vive, tra l’altro. Ha detto che erano per consumo privato. Non gli hanno riconosciuto la modica quantità per uso personale.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!