Marchesi e i paragoni

Pubblicità

Di

Il presidente dell’UDC ticinese Piero Marchesi la tocca piano: il miliardo e trecento milioni di coesione per l’Unione Europea deciso dal parlamento è come il pizzo che pagano alla mafia i commercianti siciliani, ha detto. Marchesi è in buona e simpatica compagnia, visto che alcuni avversari del Green Pass, hanno paragonato il suo obbligo alla stella di David che gli ebrei erano costretti a portare. 

Ecco alcuni consigli per il giovane presidente UDC per paragoni futuri. 

La cintura di sicurezza obbligatoria sugli aerei è come le catene della Sacra Inquisizione. O abiuri o non voli. 

L’obbligo di fermarsi al semaforo quando è rosso è come il libretto di Mao. O lo impari a memoria o finisci in un campo di rieducazione! 

Il matrimonio per tutti è come la politica del figlio unico in Cina. Solo che là ha provocato una strage di donne, qui ucciderà la figura del padre. Chiedo scusa, questa cosa che il padre morirà l’hanno già detta gli avversari della riforma.

Il numero in edicola di “Donne Chiesa Mondo” denuncia lo sfruttamento di molte suore, che lavorano per preti e parroci, poi hanno incombenze in convento e rischiano il burn-out: niente orari, niente contratti. “Basta lavoro in nero”, titola il giornale. Immediata la reazione di Papa Francesco: d’ora in poi sarà bandito l’abito nero per le suore di ogni ordine e grado. Così nella peggiore delle ipotesi sarà lavoro in grigio.

Il presidente filippino Duterte lascia la politica. Questa è la buona notizia, perché avrebbe potuto anche fare il vice-presidente. Ha governato con il pugno di ferro (eufemismo), combattendo la droga a colpi di cannone: i morti delle sue campagne di “pulizia” sarebbero ottomila. Ma c’è naturalmente anche una brutta notizia: alla presidenza si candida la figlia Sara, che, se vincerà, potrà proteggerlo dalle possibili inchieste interne e internazionali. Duterte è stato spesso paragonato a Berlusconi. Errore: a proteggersi dai processi Berlusconi ci ha pensato in prima persona, facendo approvare leggi ad hoc. Adesso qualcuno lo vuole persino candidare alla presidenza della repubblica italiana. Il problema più grave – oltre al raccapriccio – sarebbe la realizzazione del ritratto da appendere negli uffici pubblici. Immaginate un po’ la fattura di Photoshop.

In Islanda hanno comunicato che il parlamento eletto era a maggioranza femminile. Poi hanno ricontato i voti e hanno scoperto che non è vero. Donald Trump ha subito chiesto di vedere le schede islandesi, è convinto che i sostenitori di Biden abbiamo nascosto lì i bollettini che gli hanno fatto perdere le elezioni.

In Gran Bretagna settimana drammatica per il calciatore Ronaldo, riportano alcuni giornali. Come migliaia di britannici ha pagato il prezzo della crisi di fornitura del carburante alle stazioni di benzina. A differenza di tutti gli altri però, le sette ore di coda per sentirsi dire che non c’era più benzina se le sono cuccate due autisti. Lui ha continuato tranquillo a viaggiare sulle altre sue innumerevoli vetture di lusso. Si è comunque scoperto che i benzinai che non hanno dato il carburante agli autisti del giocatore sono tifosi della Juventus. Così impara far drasticamente crollare la vendita delle magliette, il cui mancato introito è la causa principale del deficit della società. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!