Nessun profitto sulla salute!

Pubblicità

Di

Sono i paesi in via di sviluppo a pagare più salato il conto presentato dal Covid-19. A fronte di un mondo occidentale ormai in gran parte immunizzato, certe zone del mondo non arrivano nemmeno a un 20% di vaccinati. 

Le associazioni che lottano per il diritto e l’accesso alla salute per tutti e che sostengono progetti di solidarietà con il Sud, chiedono a gran voce di mettere a disposizione di tutti, anche i paesi del sud del mondo, tecnologie libere da brevetti. AMCA, in quanto ONG che si occupa di questioni sanitarie in centro America, fa suo l’appello con un comunicato stampa:

“Il Consiglio di TRIPs (ADPIC – Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti di proprietà intellettuale) dell’OMC si è riunito il 13 e 14 ottobre a Ginevra. È questo l’accordo che permette il divieto di copiare le tecnologie (compresi i famosi brevetti). I paesi del Nord, guidati dalla Svizzera, sono riusciti a imporre questo accordo ai paesi del Sud, con il sostegno delle multinazionali farmaceutiche e agrochimiche.

In occasione di questo incontro, vogliamo ricordare la moltitudine di disuguaglianze, sfruttamento e morti che i brevetti sui farmaci e sui vaccini portano ai paesi del Sud. Allo stesso tempo, portano  profitti alle aziende e ai paesi del Nord.

Profitti e sfruttamento a spese dei più deboli

Anche prima della pandemia di Covid-19, più di 2 miliardi di persone sul pianeta non avevano accesso alle medicine o ai vaccini di cui avevano bisogno. Questo perché l’attuale sistema economico e politico permette alle aziende di assicurarsi un monopolio sulle scoperte attraverso i brevetti, e poi di usare questo potere fissando prezzi abusivi. Ciò avviene spesso nonostante i considerevoli finanziamenti pubblici per la ricerca, come dimostra chiaramente il caso Covid-19.

Ad esempio, a seconda del paese in cui vivono, le persone con HIV/AIDS non avranno accesso ad alcuni dei farmaci generici più economici e di ultima generazione perché i brevetti ne impediscono la commercializzazione nel loro paese. Senza l’accesso a un generico più economico, quella persona non sarà in grado di pagare il prezzo del farmaco venduto e non potrà ottenere il trattamento. E l’epidemia potrà continuare.

Il Covid-19 rivela le disuguaglianze

Il divario vaccinale tra i paesi del Nord e del Sud si sta allargando di fronte al virus Covid-19. Comprando i vaccini a caro prezzo, anche se sono stati resi possibili da miliardi di euro e dollari di sovvenzioni pubbliche, i paesi ricchi sono riusciti a vaccinare circa l’80% della loro popolazione e molti stanno anche iniziando la terza dose del vaccino.

Nel frattempo, il resto del mondo, i paesi del Sud, sono stati appena in grado di iniziare a vaccinare le loro popolazioni. Cuba è l’unico esempio di un paese del sud che ha sviluppato un vaccino proprio  Covid19 e ha iniziato a fornire vaccini ad altri paesi senza scopo di lucro.

Queste sono le conseguenze concrete dei brevetti sui vaccini anti-Covid: prezzi elevati, carenza mondiale, distribuzione iniqua, una vera segregazione vaccinale e i milioni di morti che ne conseguono!

Solidarietà internazionale significa anche chiedere la fine dei brevetti

Il Covid-19 ha colpito soprattutto le popolazioni più vulnerabili, in modo particolare quelle del Sud. La soluzione alla pandemia è globale: deve essere anche equa! L’accesso ai vaccini, alla diagnostica e ai trattamenti Covid-19 deve essere garantito a tutti. 

Noi, le associazioni che lottano per il diritto e l’accesso alla salute per tutti, che sostengono progetti di solidarietà con il Sud, vediamo ogni giorno le conseguenze dannose dei monopoli economici sulla sanità nei paesi del Sud!

Oggi, la nostra azione è rivolta agli Stati membri dell’OMC, in particolare a quelli del Nord.

Chiediamo:

  • Il rispetto del diritto alla salute da parte di tutti gli Stati secondo i loro impegni in materia di diritti umani.
  • Il rispetto del principio del primato dei diritti umani, e quindi del diritto alla salute, sul diritto commerciale, come ripetutamente affermato dagli organismi delle Nazioni Unite.
  • Eliminazione immediata dei brevetti e dei monopoli su tutto ciò che riguarda la salute!
  • Condividere la capacità normativa di approvare i vaccini.
  • Una distribuzione equa e giusta dei vaccini Covid-19!
    • Quando sono prodotti da aziende private, vaccini gratuiti in considerazione dei fondi pubblici investiti per la loro creazione.
    • Quando sono prodotti da enti pubblici, prezzi accessibili e trasparenti.
  • Porre in comune le capacità di produzione per aumentare la produzione di vaccini e attrezzature mediche.

La salute è un diritto fondamentale e deve smettere di essere una fonte di profitto!”

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!