La “guerra di Pietro”: Antonini intervista Martinelli

Pubblicità

Di

Un «confesso che ho vissuto» firmato da Pietro Martinelli e Roberto Antonini. Un incontro-intervista che si trasforma in biografia. Una storia che non è solo quella di un uomo ma anche del Ticino.

Nel primo inverno di pandemia, quel periodo in cui le diverse Autorità europee sono state chiare («state a casa») e il Ticino ancora peggio riguardo agli anziani («andate in letargo!»), il giornalista Roberto Antonini si è occupato di uno dei politici più importanti (e interessanti) della recente storia cantonale: Pietro Martinelli. I dati ufficiali su di lui dicono: 20 anni di Gran Consiglio e 12 di Consiglio di Stato, preceduti da un’espulsione dal Partito socialista e dalla fondazione del Partito Socialista Autonomo (nel 1967). Decenni e decenni di attività politica, con cambiamenti di ruolo e responsabilità. Tutti pensano di conoscere il politico socialista ma ovviamente non è così: c’è tanto altro. La vita non è solo quella messa a fuoco dalle luci della ribalta, televisiva o giornalistica che sia. C’è tutto un dietro le quinte e ad Antonini è venuta voglia di andare a scoprire. Magari mettendo la lente di ingrandimento su aspetti solo apparentemente minori (tutta la vita «pre-politica»: la scuola obbligatoria, la formazione, il mondo studentesco…) o andando a intrufolarsi nelle pieghe che il cittadino comune ha potuto solo immaginate (come saranno stati i rapporti con i diversi colleghi di governo con i quali si è trovato a collaborare ? e con i funzionari sempre tutto bene ? e all’interno del partito? e le amicizie ? le letture ? le passoni ?… ).  Tanti fatti e tantissime opinioni, e pensieri, interpretazioni. Per dirla con un titolo di film: «Tutto quello che avreste voluto spere e non avete mai osato chiedere». Nasce così «Le battaglie di una vita» in queste settimane stampato da Casagrande. Non si tratta di una beatificazione, o di un pur meritato riconoscimento ad una persona che, lo si può affermare senza tema di smentita, ha «lasciato il segno». 

Roberto Antonini, va detto subito, è preparato, documentato e puntuale. Certe sue domande sembrano rasoterra ma poi scavano. E fanno da volano alle successive, come enciclopedia della buona intervista comanda. Nessun argomento viene evitato: congressi, articoli, discorsi. Dalla prima infanzia, non proprio all’acqua di rose (tra Milano, Zurigo e Lugano) all’arrivo in governo. Senza eludere «forti esperienze», come quella dell’Africa (in pratica confinato dal «Berufsverbot» allora vigente, e certificato da Argante Righetti) e situazioni che hanno fatto parlare, magari anche per niente, tipo il «caso Baragiola». E qui abbiamo citato a caso. L’ atteggiamento di partecipata e onesta curiosità del giornalista è uno dei grandi meriti di questo libro. 

Pietro Martinelli poi mette il tutto il resto. Sembra quasi lusingato dall’attenzione rivoltagli ma è una solo una percezione. Infatti nelle risposte il suo DNA matematico emerge subito, diremmo a ritmo continuo. Cita contesti, ricorda situazioni, racconta emozioni del momento senza mai mancare di trasmettere la passione civile che l’ha caratterizzato. E aggiunge riflessioni analitiche che da sole valgono la spesa del libro. «Passione e ragione», riassume nella prefazione Antonini, e non vi è nulla da aggiungere. O forse sì, l’onestà a 360 gradi (quindi anche quella intellettuale, non proprio così frequente nell’agone politico): tutte doti che l’hanno portato ad essere amato dalla sinistra e rispettato dalla destra. Perché praticate con naturalezza, ecco. Inoltre il suo sguardo continuo verso l’universale, o ideale, pur narrando di fatti locali.

L’intervista, seguendo la linearità temporale, arriva fino ai nostri giorni.

Ovviamente non mancano i risvolti familiari (una volta diplomato al politecnico si è sentito omaggiare dal fratello maggiore con un «Ma alura ta set inteligent anca ti») dalla giovinezza fino alle spiegazioni sugli attuali compiti scolastici dei nipoti («Sparta» è il simpatico nomignolo che gli hanno assegnato). La passione, mai spenta, per la montagna e la curiosità per quanto avviene qui e nel mondo. Decisamente una biografia che va conosciuta perché, semplicemente, «parla anche di noi, singoli cittadini ticinesi». Perché in questo racconto ogni lettore di una certa età si rapporta a queste situazioni: basta un nome (mettiamo: Losinger, Orta, Thermoselect…) e, a dipendenza dell’età, ogni lettore ripercorre mentalmente il periodo.  

Complete ed esaustive le ultime pagine, con la cronologia e l’impressionante indice dei nomi. Un libro da leggere. 

«Le battaglie di una vita», 2021, di PIETRO MARTINELLI, a cura di ROBERTO ANTONINI, ed. Casagrande, 2021, pag. 262, Fr. 33,00.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!