Un mattino…cercando accordi

Pubblicità

Di

#permattinieri 🌏 🇬🇧 Accordi e disaccordi tra più di 100 leader mondiali a Glasgow. C’è un accordo per cercare di porre fine e invertire la deforestazione entro il 2030, ma c’è un freno importante alle misure per arrivare alle emissioni zero di CO2 entro il 2050. La Cina chiede più tempo attraverso un messaggio del presidente Xi Jin Ping, l’India sposta il termine al 2070.

Gli esperti hanno accolto con favore l’accordo sulle foreste, ma hanno avvertito che un precedente accordo del 2014 “non è riuscito a rallentare la deforestazione” e gli impegni devono essere rispettati. L’abbattimento degli alberi contribuisce al cambiamento climatico perché impoverisce le foreste che assorbono grandi quantità di CO2, il gas che contribuisce al riscaldamento. I paesi che dicono che firmeranno l’impegno, tra cui Canada, Brasile, Russia e Indonesia, coprono circa l’85% delle foreste del mondo. Una parte dei finanziamenti andrà ai paesi in via di sviluppo per ripristinare le terre danneggiate, affrontare gli incendi e sostenere le comunità indigene. I governi di 28 paesi si impegneranno anche a rimuovere la deforestazione dal commercio globale di cibo e altri prodotti agricoli come l’olio di palma, la soia e il cacao.

🌏 🇬🇧 L’India ha promesso di tagliare le sue emissioni a zero entro il 2070, mancando un obiettivo chiave del vertice COP26 per i paesi che si impegnano a raggiungere tale obiettivo entro il 2050.

È la prima volta che il primo ministro Narendra Modi fissa un obiettivo emissioni zero. “Net zero” significa non aggiungere nulla alla quantità di gas serra nell’atmosfera. La Cina ha annunciato piani per la neutralità di emissioni entro il 2060, mentre gli Stati Uniti e l’UE mirano a raggiungere lo zero netto entro il 2050.

Nei discorsi dei leader mondiali ha prevalso l’appello all’azione. Il presidente americano Biden ha detto che ogni giorno che il mondo ritarda nell’affrontare il cambiamento climatico, il costo dell’inazione aumenta, aggiungendo che la lotta contro il riscaldamento globale offre però incredibili opportunità per le economie mondiali. La regina d’Inghilterra ha mandato un messaggio nel quale ha esortato i leader mondiali a “mostrare una vera abilità di statisti” e creare un “futuro più sicuro e più stabile” per il pianeta. Ha detto che molte persone sperano che “il tempo delle parole diventi ora il tempo dell’azione”. Ha chiesto di agire “per i nostri figli e per i figli dei nostri figli” e ad “andare oltre la politica del momento”.

🇨🇭 🦠 Sono 4’541 i nuovi casi di coronavirus segnalati negli ultimi tra giorni dall’Ufficio federale della sanità pubblica, mentre lunedì scorso erano stati 3’297, con la media su sette giorni che è aumentata di oltre un quarto rispetto alla settimana precedente.

Continua a calare invece il ritmo delle vaccinazioni. La scorsa settimana sono state somministrate 100’216 dosi di vaccino, quasi un terzo in meno rispetto ai 7 giorni precedenti. Attualmente il 63,7% della popolazione risulta completamente vaccinato.

🌏 🦠 Più di cinque milioni di persone sono morte di Covid-19 in tutto il mondo a 19 mesi dall’inizio della pandemia, secondo la Johns Hopkins University. I vaccini hanno rallentato il tasso di mortalità, ma alcuni esperti affermano che il vero dato potrebbe essere molto più alto. Questa cifra arriva mentre i funzionari sanitari avvertono che i casi e le morti in alcuni paesi stanno aumentando per la prima volta da mesi. Quasi 250 milioni di casi del virus sono stati registrati in tutto il mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che il vero numero di morti globali della pandemia potrebbe essere da due a tre volte più alto delle registrazioni ufficiali.

🇨🇭 Il prezzo del pane e degli altri prodotti a base di farina rischia di aumentare in Svizzera a causa dei raccolti di cereali compromessi dal maltempo. Lo prevede la Federazione dei mugnai svizzeri e il fenomeno sarà anche internazionale. 

Le condizioni meteorologiche hanno avuto un impatto non solo sulla quantità di grano, con un calo stimato di oltre il 30%, ma anche sulla qualità. I mulini devono quindi importare più cereali, soprattutto di qualità superiore e quindi più costosi per compensare la bassa qualità dei prodotti raccolti. La Federazione si aspetta che i costi per mulino aumentino in media dal 10 al 12% rispetto all’anno precedente. L’aumento non può essere completamente compensato e si rifletterà quindi sui prezzi dei prodotti da forno.

🇫🇷 🇬🇧 La Francia ritarderà le misure di ritorsione contro la Gran Bretagna, mentre i colloqui sui diritti di pesca post-Brexit continuano, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron.

Parigi aveva minacciato di bloccare i pescherecci britannici dai suoi porti a partire da mezzanotte in una disputa sulle licenze dei pescherecci francesi. Ma il presidente francese ha detto ai giornalisti che le sanzioni saranno rimandate mentre i colloqui tra i funzionari continuano.  Il Regno Unito ha detto che ha accolto con favore la mossa e che continuerà a partecipare alle intense discussioni. Un portavoce del governo ha aggiunto che queste includeranno “l’esame di qualsiasi nuova prova” a sostegno delle restanti domande di licenza francesi. La disputa è nata il mese scorso quando il Regno Unito e Jersey hanno negato i permessi a decine di barche francesi per operare in acque vicine alle loro coste.

🇳🇬 Nigeria. Crolla un grattacielo di 22 piani a Lagos. Per ora si registrano quattro morti, ma ci sono decine di dispersi e i soccorritori sono ancora all’opera. Il grattacielo era in costruzione. Finora sono stati trovati quattro sopravvissuti. Le autorità locali hanno ordinato un’indagine sul crollo e si sono impegnate a rendere pubblico il rapporto finale. L’edificio faceva parte di un complesso chiamato 360 Degrees Towers, destinato a ospitare appartamenti di lusso, case a schiera e attici, secondo il sito web dello sviluppo, che da ieri è stato chiuso.

🇮🇱 🇮🇹 Il nonno materno di Eitan ha presentato ricorso alla Corte distrettuale di Tel Aviv contro la sentenza del Tribunale della famiglia che ha riconosciuto le ragioni della zia paterna del piccolo nell’ambito della Convenzione dell’Aja sulla sottrazione dei minori. Lo ha fatto sapere il portavoce della famiglia del nonno. Nel ricorso si denuncia che la sentenza di primo grado – che ha stabilito che il bambino deve tornare in Italia – non ha tenuto conto “delle circostanze eccezionali” in cui i fatti sono accaduti, ed ha ignorato “le azioni unilaterali della zia”. Il bambino di 6 anni, unico sopravvissuto della tragedia della funivia del Mottarone, è al centro di una disputa familiare che ha portato il nonno materno a sottrarlo alla custodia della zia paterna, riconosciuta come tutrice legale dalle autorità italiane e a trasferirlo in Israele, servendosi di un aereo privato decollato dall’aeroporto di Lugano-Agno lo scorso 11 settembre. Il nonno è indagato a Pavia per sequestro di persona, mentre sul suo passaggio in Svizzera sta indagando anche la procura ticinese.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!