Un mattino… col “Dottore”

Pubblicità

Di

#permattinieri 🇬🇧 Gran Bretagna. Tre uomini sono stati arrestati in base alla legge anti-terrorismo dopo che una persona è morta nell’esplosione di un’auto fuori dal “Liverpool Women’s Hospital”.  Un taxi che trasportava un passeggero si è fermato poco prima delle 11 di mattina, mentre stavano per iniziare i due minuti di silenzio nazionali per la Domenica della Memoria ed è esploso. Il passeggero è morto e deve ancora essere formalmente identificato. L’autista è stato ferito ed è in ospedale.

🇦🇹 🦠 L’Austria mette da oggi circa 2 milioni di persone non vaccinate in isolamento, mentre crescono a livello record i contagi e la pressione sugli ospedali. “Non stiamo prendendo questo passo alla leggera, ma è necessario”, ha detto il cancelliere Alexander Schallenberg. Le persone non vaccinate potranno uscire di casa solo per un numero limitato di motivi, come il lavoro  o l’acquisto di cibo. Circa il 65% della popolazione austriaca è completamente vaccinato, uno dei tassi più bassi dell’Europa occidentale. Nel frattempo il tasso di infezione settimanale è più di 800 casi per 100.000 persone, uno dei più alti in Europa.

🇧🇬 Bulgaria. Il nuovo movimento “Continuiamo il cambiamento” lanciato da due imprenditori, Kirill Petkov e Assen Vassilev, ha creato la sorpresa nelle legislative bulgare, le terze nel giro di pochi mesi nel Paese più povero dell’UE e in piena crisi sanitaria per l’aumento dei casi di Covid-19. Stando ai diversi exit poll, il movimento centrista tallona o precede di poco i conservatori dell’ex premier Boiko Borissov. Entrambe le formazioni si situano fra il 23 e il 26% delle preferenze. Anche se giungesse in testa, tuttavia, Borissov non avrebbe gli alleati per poter governare. Questo benché appaia in ripresa rispetto alle due precedenti consultazioni dalle quali era uscito ridimensionato. Tra gli altri partiti il cantante antisistema Slavi Trifonov precipita al 10%. Era arrivato primo in luglio, ma come era stato il caso già in aprile, dopo quelle elezioni non era stato possibile raggiungere un accordo per costituire una coalizione di maggioranza. 

Per la presidenza, visto l’esito del primo turno che lo vede sfiorare già la maggioranza assoluta, Rumen Radev non dovrebbe faticare a ottenere la riconferma il 21 novembre al ballottaggio. 

🇦🇷 Argentina. Circa 34 milioni di cittadine e cittadini hanno votato per le legislative di medio termine, che comportano il rinnovo di metà della Camera (127 seggi) e di un terzo del Senato (24). Attualmente il partito peronista di centro-sinistra controlla 41 su 72 seggi in Senato, ma rischia di perdere la maggioranza che detiene da quasi 40 anni. Questo complicherebbe la seconda metà di mandato del presidente Alberto Fernandez.

L’opposizione di centro-destra di “Juntos por el cambio”, con la quale Fernandez si dice disposto a dialogare, cerca di cavalcare il malcontento, che è forte soprattutto fra i giovani. Il terzo incomodo del voto è Javier Mieli, outsider antisistema che punta a essere la sorpresa. Nei due anni di pandemia, i problemi dell’economia argentina si sono acutizzati, con un aumento della povertà , tornata sopra il 40%, e una forte inflazione, attorno al 50%. A questo si aggiungono l’annosa questione della ristrutturazione del debito estero miliardario con il Fondo Monetario Internazionale e una moneta nazionale ai minimi storici contro il dollaro.

🇺🇸 🇸🇾 L’esercito americano ha difeso come “legittimo” un attacco aereo che ha ucciso decine di persone in Siria nel 2019.

L’attacco contro i combattenti dello Stato Islamico ha ucciso 80 persone, mentre gli assassini dell’IS conducevano l’ultima resistenza. Gli Stati Uniti hanno identificato 16 dei morti di quell’attacco come militanti dell’IS e quattro come civili. 

Ma i funzionari ammettono che è “altamente probabile” che più civili siano stati uccisi. Un’indagine indipendente sull’attacco non è mai stata condotta, secondo il New York Times, che ha accusato i militari di insabbiamento. Gli attacchi aerei si sono verificati il 18 marzo 2019 nella città di Baghuz nella Siria orientale, allora l’ultima roccaforte del califfato IS. 

Tre bombe sono state sganciate dai jet statunitensi su un folto gruppo di persone, nonostante i filmati dei droni mostrassero la presenza di civili, secondo il New York Times. 

🇬🇧 La Regina Elisabetta non ha partecipato alla funzione della Domenica della Ricordo, il giorno dedicato alla memoria delle vittime della seconda guerra mondiale nella domenica più vicina all’anniversario dell’armistizio. L’ha bloccata uno strappo alla schiena. Elisabetta ha cancellato gli impegni a Glasgow per la COP26, ma voleva esserci alla cerimonia della Memoria. Il mal di schiena glielo ha impedito e la comunicazione è arrivata solo poche ore prima dell’evento.

⚽️ Calcio.  Si giocano questa sera alle 20.45 Svizzera-Bulgaria e Irlanda del Nord-Italia, che stabiliranno chi si qualificherà direttamente per i mondiali del Quatar dell’anno prossimo. La seconda classificata del gruppo dovrà giocare gli spareggi. Italia e Svizzera sono a pari punti in classifica, gli italiani hanno una differenza reti migliore (due gol in più).

🏎 Formula Uno. Hamilton su Mercedes vince il gran premio di Interlagos davanti a Verstappen e si porta a 14 punti di distacco dall’olandese della Red Bull a tre gran premi dalla fine del mondiale. 

🏍 Moto GP. Trionfo della Ducati al gran Premio di Valencia, che ha chiuso la stagione. Ha vinto l’italiano Bagnaia davanti allo spagnolo Martin e all’australiano Miller. È stata l’ultima gara di Valentino Rossi – giunto decimo – dopo 26 anni di carriera, nove titoli mondiali, 115 vittorie in 432 gare).

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!