Un uragano dai capelli argentati

Pubblicità

Di

Negli ambienti della atletica leggera statunitense viene chiamata “over 105” , dagli allenatori e dalle numerosissime fans “Hurricane”, l’uragano dai capelli argentati che sfida gli anni dandosela a gambe.

Julia Hawkins ha stabilito il primato mondiale di categoria ai National Senior Games in Louisiana, in una  surriscaldata cornice di Cheerleaders attempate ma scatenate, sventolanti un mare di sfilacci gialli come il sole che splende sull’alloro delle predestinate ostinate.

Con il pettorale 4635, appiccicato a una maglietta rossa come il fuoco che brucia la caducità dei record da abbattere, l’ “ultracentenaria aleggiante” ha divorato la striscia di tartan a passetti serrati e determinati, sino a conquistare la migliore prestazione mondiale sui 100 metri piani, con il tempo di 1′ 02” 95.

Avviata verso le 106 primavere e verso nuovi traguardi, la velocista che ama correre per essere di ispirazione a chi poltrisce o a chi nelle distanze brevi si avvilisce, ha dichiarato ai giornalisti, dopo aver rifiatato il giusto: “È stato meraviglioso vedere così tanti familiari e amici. Ma volevo farlo in meno di un minuto”.

Tempra di ferro e idee sfidanti, la sprinter che non molla mai, ha brevettato un modello di invidiabile e vetusta caparbietà, consigliato a tutti coloro che della volontà fanno pastafrolla, ammuffendo cartilagini e ossa nell’alveo di un divano sfatto. 

Julia si è guadagnata l’ennesimo ampio articolo su The Guardian: insegnante scarsamente statica rigeneratasi in un pensionamento fatto di rettilinei che scatenano adrenalina verso il filo di lana. Già eccellente atleta nelle prove ciclistiche a cronometro dove può vantare una luminosa carriera largamente medagliata, appesi al chiodo i disturbanti termini come “quarta età” o “senescenza”, seguita a rincorrere il progetto di un altro sogno dopo il sogno raggiunto.

Sotto il segno dell’agonismo e dell’umorismo, fra una dichiarazione e una battuta: “Voglio continuare a correre il più a lungo possibile. Il mio messaggio agli altri e che devi rimanere attivo se vuoi essere sano e felice con l’età” .

E poi, facendo l’occhiolino al mondo che la osserva: “Provengo da una famiglia che può vantare una significativa longevità. Mia mamma è venuta a mancare a 100 anni giusti giusti, e soltanto perché ha preteso di spegnere tutte le candeline in un soffio solo.”

Il mito “Hurricane” non cessa di stupire, nella attesa di competere in una ulteriore categoria “new age”, combattendo contro le implacabili lancette di un tachicardico cronometro . 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!