Più alberi ora, a costo zero

Pubblicità

Di

Tra le misure che l’Europa si è ripromessa di adottare per contrastare il surriscaldamento climatico ce n’è una particolarmente ambiziosa: la riforestazione di ampie aree del Vecchio Continente. L’obiettivo è di piantare 3 miliardi di alberi entro il 2030, così da contribuire a ridurre le emissioni di gas serra del 44%. Proteggere i boschi e foreste già esistenti, piantando nel contempo nuovi alberi, è indispensabile per poter far fronte alla crisi climatica. Oltre ad assorbire CO2, le piante in cambio producendo ossigeno e ci sono utili nel regolare temperatura e umidità dell’ambiente. Già, ma dove si trovano così tanti alberi?

Piantare alberi si può benissimo fare, ma a patto di averne a sufficienza. Perché reperire la quantità necessaria di alberi da piantumare non è per forza così evidente. Non lo è se pensiamo alla gigantesca quantità di alberi necessari. Un progetto del genere potrebbe così fallire ancora prima d’iniziare. Riusciranno i vivai a soddisfare la domanda dei prossimi anni? Un dilemma al quale oggi risulta difficile rispondere. Eppure all’orizzonte non mancano le soluzioni ingegnose come quella che, in Olanda, “Meer Bomen Nu”, ovvero Più alberi ora, ha escogitato per superare brillantemente l’ostacolo.

Ogni albero di quercia o di faggio produce ogni anno centinaia di semi. L’idea alla base del progetto è quella di reperire gli alberi in modo naturale ed ecologico andando a raccogliere in natura piante giovani e semi lì dove i nuovi alberi non avrebbero la possibilità di sopravvivere, per poi ripiantarli in ambienti decisamente più adatti. Ad averci pensato è stato l’ecologo Franke van der Laan. Una soluzione a costo zero, ideale per sostenere la riforestazione. L’obiettivo, in Olanda, è quello di piantare circa 100 milioni di nuovi alberi nei prossimi nove anni. Un tempo relativamente breve se paragonato alle dimensioni dell’impresa.

Per questa ragione, sapere di poter contare su di un gruppo di volontari che nel loro tempo libero si prendono cura di semi e piantine, è fondamentale. Grazie al prezioso lavoro di duemila volontari, la campagna “Meer Bomen Nu”, ha permesso di trapiantare in un solo inverno la bellezza di 250.000 piantine di cui l’80% è riuscito a sopravvivere nei giardini e nei terreni messi a disposizione da quasi un migliaio di persone. Un traguardo che si è riusciti a tagliare solo grazie all’impegno di tutti e che, per la prossima stagione invernale, prevede una nuova e ancor più ambiziosa sfida. Quella di arrivare a raggiungere il milione di alberi. Perché, se per fare un albero ci vuole un seme, chi meglio di noi sa accudirlo nella crescita? 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!