Pubblicità

Di

#permattinieri🇨🇭 🦠 Le cifre del giorno. Sono 36’658 le nuove infezioni da coronavirus registrate nell’arco di 24 ore (+26% rispetto alla settimana precedente). Le nuove ospedalizzazioni crescono però meno rapidamente: in 24 ore si registra il ricovero di 121 persone. Negli ospedali svizzeri sono 1’973 i pazienti attualmente ricoverati a causa del Covid-19 (l’8,7% del totale) di cui 219 in un reparto di terapia intensiva, dove i pazienti covid occupano il 25,3% dei letti disponibili. Questi reparti sono pieni al 73,8%.  

Una situazione giudicata ancora delicata dall’Ufficio della Sanità Pubblica. Il picco dell’ondata Omicron non è stato ancora raggiunto e la Svizzera rimane uno dei Paesi europei col maggior numero di infezioni da coronavirus, ha affermato Patrick Mathys dell’UFSP. Mathys ritiene troppo presto per allenatore le restrizioni, anche se ha rilevato che la predominanza di Omicron fa sì che molto probabilmente non ci sarà un sovraccarico degli ospedali. Sul fronte opposto il mondo dell’economia e diversi esponenti politici di UDC, Liberali e Alleanza del Centro. A loro giudizio l’obbligo del certificato Covid, quello del telelavoro e le norme su quarantene e isolamenti vanno tolte subito. L’Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM), GastroSuisse, ExpoEvent Swiss LiveCom e l’organizzazione che raggruppa i centri fitness della Svizzera definiscono sproporzionato l’obbligo del certificato Covid nelle circostanze attuali.

🇪🇺 🦠 L’Unione Europea raccomanda che le persone in possesso di un certificato Covid europeo non dovrebbero essere soggette ad ulteriori restrizioni della libera circolazione. Il nuovo approccio tiene conto dello stato della persona e non delle situazioni regionali per garantire maggiore chiarezza ai viaggiatori.

I poteri sanitari restano comunque competenza dei singoli stati e quelle europee sono raccomandazioni, anche se tutti i Paesi membri affermano di volersi coordinare. A chi non è vaccinato da almeno 14 e non più di 270 giorni, non è guarito negli ultimi sei mesi o non è risultato negativo a un test (PCR nelle ultime 72 ore o antigenico rapido nelle ultime 24 ore) potrà ancora essere richiesto un tampone all’ingresso o entro un giorno dall’arrivo in un Paese europeo. Viaggiatori con un ruolo o un’esigenza essenziale, pendolari transfrontalieri e bambini sotto i 12 anni potranno continuare ad essere esentati.

🇨🇭 Zurigo. Prima giornata del processo a Pierin Vinzenz, ex-direttore generale di Raiffeisen. La difesa ha cercato di ottenere un rinvio per l’assenza per covid di un coimputato. Istanza respinta. Vinzenz ha risposto all’interrogatorio e ha detto: “Non ho commesso nulla di criminale”. Sulle spese in locali notturni Vinzenz ha detto che erano giustificate per motivi di lavoro. Solo in alcuni casi sarebbero state fatturate per errore alla banca. Sul tema più pesante delle partecipazioni in società poi acquisite dalla Raiffeisen Vincenz ha ammesso di non aver dichiarato “per inesperienza e discrezione” quella in Commtrain Card Solutions. Non voleva che si sapesse che investiva in piccole e medie imprese, ha sostenuto. Secondo l’accusa, Pierin Vincenz avrebbe intascato illecitamente 9 milioni di franchi e il suo socio in affari e co-imputato Stocker 16 milioni attraverso partecipazioni non dichiarate agli altri dirigenti, in società poi rilevate da Raiffeisen e Aduno, società di carte di credito diretta da Stocker e precedentemente da Vincenz.

🇺🇦  Crisi Ucraina. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dice che prenderà in considerazione sanzioni personali su Vladimir Putin se la Russia invaderà l’Ucraina. Biden ha detto che ci sarebbero “enormi conseguenze” per il mondo se la Russia compisse una mossa simile. La Russia ha accusato gli Stati Uniti e altri paesi della NATO di “escalation delle tensioni” sulla questione e nega di avere intenzione di entrare in Ucraina. Tuttavia Mosca ha ammassato truppe al confine, con circa 100.000 soldati schierati nella regione. Biden ha comunque garantito che non ci sono piani per inviare truppe statunitensi in Ucraina.

🇮🇹 Italia. Secondo voto e seconda scontata fumata nera nell’elezione del presidente della Repubblica. Ancora una volta la maggioranza dei grandi elettori ha inserito nell’urna una scheda bianca. Oggi terzo voto con la necessità di maggioranza dei due terzi, da domani si passa agli scrutini con maggioranza semplice dei 1008 grandi elettori. I partiti si sono messi all’opera, oggi previsto un vertice tra centro-destra e centro-sinistra per cercare la convergenza su un nome. Salvini della Lega ha presentato una rosa di tre nomi: il giurista Nordio, l’ex-presidente del Senato Pera, l’ex-ministra dell’istruzione e sindaca di Milano Letizia Moratti. Il centro-sinistra ha preso tempo e non ha presentato una rosa alternativa.

🇬🇧 Giorni decisivi per Boris Johnson, assediato da polemiche e inchieste su feste e party nella sede del governo durante il lockdown. È in dirittura d’arrivo l’inchiesta interna diretta da Sue Gray sulle possibili violazioni delle restrizioni e potrebbe essere pubblicato oggi. La polizia londinese ha inoltre annunciato un’inchiesta sulla presunta festa di compleanno per Johnson a Downing Street, rivelata da un’inchiesta giornalistica. In quei giorni erano vietati i raduni anche privati in Gran Bretagna. 

Il premier si è scusato per aver partecipato a un evento il 20 maggio 2020, durante il primo blocco, dicendo che pensava fosse un “evento di lavoro”. La festa di compleanno sarebbe avvenuta nel giugno del 2020.

🇸🇾 Siria. Le forze guidate dai curdi dicono che altri 250 militanti si sono arresi mentre i soldati continuano a cercare di liberare l’ultima parte di una prigione attaccata è occupata da un commando degli assassini dello Stato Islamico.

Si ritiene che decine di persone siano ancora rintanate all’interno, insieme alle guardie tenute in ostaggio e a diverse centinaia di bambini. L’IS ha attaccato la prigione giovedì scorso nel tentativo di organizzare un’evasione di massa. Più di 160 persone sono state uccise nei combattimenti che ne sono seguiti, tra cui 114 sospetti militanti e 45 membri delle SDF curde, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede a Londra.

L’ONU dice che fino a 45.000 residenti di Hasaka, sede della prigione, sono fuggiti dalle proprie case per sfuggire agli scontri. Prima della scorsa settimana, la prigione di Ghwayran deteneva circa 4.000 uomini e ragazzi, controllati dalle SDF, un’alleanza di milizie sostenute dagli Stati Uniti che controlla gran parte della Siria settentrionale e orientale.

🇺🇸 I funzionari della Guardia Costiera degli Stati Uniti stanno cercando 39 persone che si teme siano scomparse dopo che la loro nave si è rovesciata sabato sera al largo della costa della Florida.  Gli ufficiali sono stati allertati martedì mattina quando i pescatori hanno individuato un uomo aggrappato allo scafo di una barca a 72 km dalla città di Fort Pierce. Il sopravvissuto ha detto che il gruppo si era imbarcato da Bimini, Bahamas, sabato sera e ha incontrato il maltempo. I funzionari statunitensi ritengono che la barca potrebbe aver fatto parte di una “impresa di contrabbando umano”. 

🇲🇬 Madagascar. Una tempesta tropicale ha causato il caos in Africa meridionale, provocando almeno 34 morti in Madagascar e altri tre in Mozambico e mettendo fuori uso l’elettricità in gran parte del Malawi. Le autorità del Madagascar hanno detto che 65.000 persone sono rimaste senza casa. Parti della capitale, Antananarivo, sono state evacuate dopo che le inondazioni hanno distrutto centinaia di edifici. La tempesta ha distrutto case, scuole e cliniche nel Mozambico centrale e settentrionale. Le Nazioni Unite dicono che fino a 500.000 persone potrebbero essere state colpite dagli effetti della tempesta.

🏒 Hockey su ghiaccio. Lugano sconfitto al supplementare dallo Zugo (5-4), Ambrì battuto a Zurigo per 5-2. La vittoria del Berna sul Ginevra (3-1) permette ai bernesi di superare l’Ambrì al decimo posto della classifica, l’ultimo che assegna un posto per i pre-playoff. 

⛷ Sci. Gigante femminile a Plan de Corones. Vince la svedese Hector davanti alla slovacca Vlhova e alla francese a Worley. Tra gli uomini slalom a Schladming con vittoria del tedesco Strasser davanti al norvegese Mc Grath e all’austriaco Feller. 

⚽️ Coppa d’Africa. Ottavi di finale, Senegal-Capo Verde 2-0, Marocco-Malawi 2-1. Dopo la tragedia allo stadio Paul Biya di Yaoundè dove otto persone sono morte e decine sono state ferite per la calca, il quarto di finale in programma domenica è stato spostato in un altro stadio della capitale del Camerun, lo stadio  Ahmadou Ahidjo.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!