Grazie Drusilla, sei unica

Pubblicità

Di

Fra i tanti personaggi che da sempre popolano il Circo Barnum del festival di Sanremo, quest’anno, a spiccare è stata Drusilla Foer, una delle conduttrici della kermesse canora al fianco di Amadeus. Drusilla, alias Gianluca Gori, il brillante artista fiorentino che ha dato vita a un personaggio di grande successo, soprattutto grazie al suo profilo Instagram ogni giorno ricco di pensieri, idee e racconti di vita quotidiana. Una nobildonna dal carattere forte e ribelle che dal palco dell’Ariston, col il suo messaggio, è arrivata al cuore e all’animo di ognuno di noi, ricordandoci come ognuno di noi è unico e speciale a modo suo.

Ci sono tanti temi che affollano la mia mente, ma non voglio ammorbare il pubblico – comincia così il monologo più bello sentito declamare dal palco del Teatro Ariston di Sanremo – Diversità è una parola che non mi piace, crea distanza, ha qualcosa in sé di comparativo che non mi piace. Le parole sono come gli amanti, quando non funzionano più vanno cambiate”. E allora qual è la parola più adatta a descriverci? 

Quella parola è unicità. “Mi piace molto, perché tutti siamo capaci di notare l’unicità dell’altro e pensiamo di essere unici”, confessa Drusilla. Malgrado l’ora tarda in cui va in onda, è ormai l’una e mezza di notte, il suo elogio all’unicità rifranca l’animo dei presenti e di chi, a quell’ora, è ancora davanti al televisore. Ognuno di noi ha pregi e debolezze che ci rendono unici e, per questa ragione, preziosi.

Sarà bellissimo abbracciare la nostra unicità – continua Drusilla – A quel punto sarà più probabile aprirsi all’unicità dell’altro, e uscire da questo stato di conflitto che ci allontana. Vi chiedo di dare un senso alla mia presenza qui, tentando un atto rivoluzionario, che è l’ascolto, di sé stessi e degli altri. Promettetemi che ci proveremo, ascoltiamo, accogliamo il dubbio, anche solo per essere certi che le nostre convinzioni non siano solo convenzioni. Facciamo scorrere i pensieri in libertà, senza pregiudizio e vergogna”.

È quasi un manifesto politico, il suo. Un messaggio che rimbalza sul web e diventa uno degli argomenti più dibattuti di Twitter e Facebook. Abbracciare l’unicità significa smetterla d’incasellare tutto e tutti. Vuol dire smetterla di giudicare. Di dare i voti con la superbia e la presunzione di chi sa come va il mondo. Per abbracciare l’unicità ci vuole tanta umiltà e il coraggio di lasciarsi stupire. È necessario capire sé stessi, ascoltarsi, accettarsi, non nascondersi. Proprio come nel caso di Mahmood e Blanco, la coppia in gara quest’anno a Sanremo con una canzone che parla di un amore universale, indipendentemente dal genere. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!