La guerra dei ma, se e però

Pubblicità

Di

C’è poco da scherzare. Quel che succede in Ucraina è terribile, non solo per l’invasione russa, per le minacce dell’uso della deterrenza nucleare, per il dramma della gente ucraina, ma anche perché ha (piccoli) effetti collaterali sulla mefitica galassia dei complottisti, quelli dei distinguo, dei « però la NATO », dei « ma anche l’Occidente », del «con Trump non sarebbe successo. Ecco un modesto – numericamente parlando – florilegio di quel che si trova sui social media. Sappiate che gli utenti di Twitter qui citati hanno in totale centomila follower. Non è una bella notizia.

Carlo Rossella, giornalista, per una vita dirigente berlusconiano.

“Forza Putin! I russi, ma anche molti italiani sono con te”. 

Parola di futuro ambasciatore dello zar in Italia?

Tale avulso pubblica su Twitter il 27 febbraio

« La scrivo lì: questa guerra è buttarla in « caciara » per nascondere il disastro che hanno combinato con i vaccini. Qualche radiazione nucleare e… Vai a capire di cosa si muore. »

È un complotto di Big Pharma, che ha pagato la lobby nucleare che ha pagato il Donbass che ha pregato Putin che al mercato mio padre comprò. Novello Branduardi.

Tale Paolo Becchi scrive su Twitter il 24 febbraio.

« I no vax del futuro sono i russi. Trattato come aggressori quando sono gli aggrediti. L’aggressore non è chi spara il primo colpo, ma chi crea tutte le condizioni perché quel colpo venga sparato. »

Più o meno come quei giudici che assolvono gli stupratori perché la donna aveva la minigonna e il rossetto.

Cristina Cersei scrive su Twitter il 24 febbraio

« Perché, secondo voi viviamo da liberi? Cacciati dal lavoro col lasciapassare e la museruola? Stanno mejo a Rostov, 100 volte. »

Sembra quella vecchia barzelletta: « Primo premio della lotteria, una settimana di vacanza a Rostov sul Don. Secondo premio, due settimane di vacanza a Rostov sul Don. » Ci si augura che questa Cristina vinca alla lotteria. 

Tale Sabrina F. scrive su Twitter il 27 febbraio.

« Poveri covidioti, dopo due anni stavano appena iniziando a capire l’in…lata dei vaccini, adesso gli chiedete questo altro sforzo neurale. Questa è cattiveria. Pray for covidiots. »

Quando mescoli burro e ferrovia.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!