La primula rossa australiana

Pubblicità

Di

Mettete da parte i quaderni dal carcere di Gramsci, lui poverino in carcere ci ha lasciato le penne. Scordatevi di Papillon, che dopo decenni di isola del Diavolo riuscì a fuggire su una zattera fatta con le noci di cocco.

E saltiamo anche a piedi pari i latitianti come Matteo Messina Denaro, detto “u’siccu” (il magro) che è uccel di bosco da 28 anni. Affrontiamo invece la rocambolesca storia di Darko “Dougie” Deskic, efferato criminale di origine jugoslava e residente in Australia. Il crimine di Deskic? Avere una coltivazione di marjuana. Roba che fa un po’ ridere al giorno d’oggi, dove la legalizzazione della canapa è realtà in molte nazioni e Stati e che è avviata probabilmente entro pochi anni a una legalizzazione generalizzata.

Ma era il 1992 e il povero Deskic si beccava tre anni di prigione, e veniva ingabbiato nel Grafton Correctional Centre nel Nuovo Galles del Sud. Per sua fortuna le colonie penali australiane nei secoli sono sensibilmente migliorate, non vigono più le fustigazioni e i lavori forzati. Com’è come non è, Deskic non ci sta a rimanere dietro le sbarre e dopo 13 mesi evade. Anche perché in quel periodo c’era la guerra civile in Jugoslavia e lui aveva paura di essere rispedito a casa per servire nell’esercito.

Ora, a noi perché dovrebbe interessare la storia di un tizio che è evaso da una prigione australiana 30 anni fa?

Nulla, se non per il caso umano. Darko da quel giorno non si è fermato mai ed è restato latitante per quasi 30 anni e le autorità di polizia australiane non sono mai riuscite a individuarlo. Vero è che l’Australia è vasta e poco popolata e non è la Val Bavona, ma tant’è.

Dopo 29 anni però, Darko decide finalmente di costituirsi. Colpa dello stramaledetto Covid.

Se infatti nei decenni precedenti, Darko era riuscito a sbarcare il lunario, effettuando lavoretti come tuttofare per pagare tutte le sue pendenze in contanti e non lasciare tracce, con l’epidemia di Covid questo è diventato impossibile. Il povero e ribelle mariuolo, si è ritrovato senza il becco di un quattrino e senza la possibilità di lavorare. L’alternativa era di vivere mangiando erbe dell’outback e wallaby delle rocce, una prospettiva meno allettante del carcere.

Ecco allora che la primula rossa del crimine oceanico si è arresa, consegnandosi alle autorità, che invero, seppur perplesse lo hanno immediatamente risbattuto dentro, cosa che peraltro Dark sperava, probabilmente stanco di tirare la cinghia.

Ma Darko, nel tempo, è riuscito a farsi amare dalla comunità in cui ha risieduto negli ultimi anni, e Belle Higgins, figlia di un ricco promotore immobiliare della zona, ha iniziato una crowfounding online per sostenerlo, e permettergli di rifarsi una vita, raccolta che ha fruttato 34’000 dollari. I membri della comunità hanno parlato molto bene di Deskic al giudice (che in 30 anni non ha commesso più alcun crimine), e hanno anche assunto un avvocato per aiutarlo a uscire di prigione. 

Il suo avvocato sta lottando per avere il caso di rigore (come per India e al sua famiglia in Ticino) ed evitare a Deskic la deportazione al suo paese, visto che il nostro amico non ha la cittadinanza australiana, e col supporto della comunità, ha chiesto la clemenza per l’ex latitante.

Fossero tutti così i criminali…noi auguriamo a Darko di poter vivere la sua terza età tra canguri ed emù, visto che ormai, la sua terra è l’Australia.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!