Ucraina: oltre la guerra, i profughi

Pubblicità

Di

#permattinieri 🇷🇺 🇺🇦I missili russi hanno colpito un deposito di petrolio a Vasylkiv, località a una quarantina di chilometri da Kiev. C’è timore per i fumi tossici. L’esercito russo continua il lancio di missili e il bombardamento aereo su Kiev, che ha vissuto un’altra notte con il suono delle sirene e la fuga della gente nei rifugi o nelle stazioni della metropolitana. Le truppe di invasione di Putin sono entrate nella città di Kharkiv, situata ad est a 400 chilometri dalla capitale Kiev. Continua anche l’esodo di migliaia di persone, soprattutto verso Polonia e Moldavia. Intensi combattimenti sono in corso in diverse grandi città ucraine. L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OCHCR) riferisce che ci sono state almeno 240 vittime civili – tra cui almeno 64 morti – fino ad ora nel paese. Ha aggiunto che i danni alle case e alle infrastrutture critiche hanno lasciato migliaia di persone senza accesso all’acqua e all’elettricità. L’ONU ritiene che oltre 160.000 ucraini sono ora sfollati interni e cercano di fuggire attraverso i confini internazionali.

Gli analisti delle operazioni militari dell’Istituto per lo studio della guerra, con sede negli Stati Uniti, hanno pubblicato la loro ultima valutazione della campagna di invasione della Russia. A loro parere la Russia “non è riuscita a circondare e isolare Kiev con attacchi meccanizzati e aerei come aveva pianificato di fare”. L’avanzata russa è ora concentrata su assalti diretti alla capitale dell’Ucraina, con unità di attacco dal nord-est della città e da uno stretto fianco del fiume Dnipro, che si trova accanto a Kiev.

I successi della Russia nel sud dell’Ucraina rappresentano il pericolo maggiore e “minacciano di scardinare le difese dell’Ucraina a nord e nord-est”.

🇷🇺 🇺🇦 Sul piano delle sanzioni, L’Unione Europea, gli USA e i loro alleati hanno deciso di tagliare fuori un certo numero di banche russe dal principale sistema di pagamento internazionale, Swift.

Anche i beni della banca centrale russa saranno congelati, limitando la capacità della Russia di accedere alle sue riserve all’estero. L’intenzione è di “isolare ulteriormente la Russia dal sistema finanziario internazionale”, recita una dichiarazione congiunta. La Russia è fortemente dipendente dal sistema Swift per le sue esportazioni di petrolio e gas.

Swift significa “Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication”, è un sistema di messaggistica sicura che rende possibili pagamenti veloci e transfrontalieri, permettendo il commercio internazionale. Ha sede in Belgio, facilita le transazioni tra più di 11.000 banche e istituzioni finanziarie in tutto il mondo.

Svolge un ruolo fondamentale nel sostenere l’economia globale, ma non ha l’autorità di prendere decisioni sulle sanzioni.

Rimuovere le banche da Swift è considerato un freno severo perché quasi tutte le banche usano il sistema.

Gli Stati Uniti, la Germania e i Paesi Bassi stanno inviando più armi per aiutare lo sforzo bellico dell’Ucraina. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha detto che invierà 350 milioni di dollari in armi. Il governo tedesco fornirà all’Ucraina 1.000 lanciagranate anticarro e 500 missili terra-aria Stinger su una base di emergenza. In precedenza, la NATO ha iniziato a schierare più forze nell’Europa orientale “per rispondere rapidamente a qualsiasi contingenza”. La Svizzera vuole organizzare una conferenza di pace a Ginevra. Il presidente Ignazio Cassis è in contatto con il ministro degli esteri russo Lavrov e il presidente ucraino Zelensky. Il Consiglio Federale ha in programma una riunione straordinaria sull’attuazione delle sanzioni alla Russia. Lo scrive la SonntagsZeitung.  

⚽️ Calcio. Campionato svizzero. Lugano-Servette 2-0, Young Boys-Sion 3-1. Campionato italiano. Salernitana-Bologna 1-1, Empoli-Juventus 2-3, Sassuolo-Fiorentina 2-1. 

🏒 Hockey su ghiaccio. Davos-Lugano 3-1, Zugo-Ambrì 8-2. 

⛷ Sci. Slalom maschile a Garmish. Vince il norvegese Kristoffersen davanti allo svizzero Meillard. In campo femminile discesa a  Crans Montana. Vittoria per la ceca Ledecka, seconda la norvegese Mowinkel.  

⛷ La svizzera Fanny Smith riceverà la medaglia di bronzo vinta nel freestyle alle Olimpiadi e toltale dalla giuria per una scorrettezza, che alla fine non è stata giudicata tale. Io ricorso e stato accolto dalla FIS e la Svizzera totalizza dunque 15 medaglie alle Olimpiadi di Pechino, in linea con le ambizioni del comitato olimpico svizzero. 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!